CDS – Napoli-Livorno, ecco le pagelle

Behrami grande, Mertens super, Paulinho è solo

NAPOLI

REINA 6 – La sufficienza è per i «fantacalcisti». Spettatore dalla distanza, non vede palloni.

MESTO 6 – Alla quinta consecutiva infila (persino) la retromarcia.

FERNANDEZ 6,5 – Chiusura lampo in avvio, per frenare Luci. Poi, né macchie né paura.

BRITOS 6 – Ha attaccanti larghi, ma quando stringono trovano un centrale rinfrancato.

ARMERO 6,5 – Tanta fisicità, tanto volume: magari scomposto, ma parte e rientra.

BEHRAMI 7 – Se non ci fosse bisognerebbe inventarselo: succhia l’anima a chiunque, a Greco o a Duncan, li sovrasta, li cancella.

INLER 7 – La versione moderna è confermata: gioca lungo, libero da assilli; è sempre nel vivo.

CALLEJON 7 – E quattro. Prendendosi le giuste pause per rifiatare, poi andando sempre nello spazio, con intuizioni, con intraprendenza.

INSIGNE (23’ st) 6 – Si diverte un sacco, ci mette il piede nel contropiede, pure una bella spruzzata di umiltà.

HAMSIK 6,5 – Le ombre scompaiono gradualmente, s’accende a intermittenza e il gol è un toccasana per ritrovarsi completamente.

MERTENS 7 – La scheggia che fa impazzire: taglia, affonda, dà coperture e il coast to coast che squarcia la sfida è tecnica abbinata alla velocità.

PANDEV 7 – Segna e fa segnare, è il regista offensivo. Tre gol in due gare di campionato: basta?

BENITEZ (all.) 7 – Calcio godibile, soprattutto controllo sereno, disteso, dello stress post-Arsenal nessuna scoria.
LIVORNO

BARDI 4,5 – Il talento non sfiorisce con una giornataccia. Però sul primo gol non reagisce, sul secondo ci mette la manina… Black-out.

CODA 5 – Il binario letale è il suo: gli arriva di corsa Mertens ed è deriva.

RINAUDO 5 – L’ultimo ad arrendersi, in un corpo a corpo ad oltranza. Intorno a sé ha foglie di fico.

CECCHERINI 5 – Offre l’impressione di resistere ma si ritrova Callejon e Pandev e viene sbriciolato.

SCHIATTARELLA 4,5 – La prima diga che salta, in un confronto atleticamente impari.

LUCI 5 – Piccoli cenni di sopravvivenza, una percussione, qualche palleggio. Poco altro che resti.

SILIGARDI (20’ st) 5 – Viene fagocitato in un match già consegnato all’archivio e gli arrivano solo palloni sporchi.

DUNCAN 5 – D’impatto, finché può. Poi le gambe lo abbandonano e Behrami se ne va per fatti propri.

MBAYE 6 – Ha un discreto passo, una lettura delle giocate altrui agevole. Presente.

GRECO 5 – Dovrebbe inaridire il Napoli: bello da vedere, ma poi lo specchio va in frantumi.

PICCINI (8’ st) 5 – Si potrebbe aggiungere qualcosa, anzi tanto, a quel Livorno: ma il deserto non aiuta a seminare.

EMEGHARA 5,5 – La traversa è un gesto tecnico anche coraggioso. Sembrerebbe l’unico seriamente ispirato.

BELINGHERI (24’ st) 5,5 – Ops, il Livorno è evaporato. Per lui bollicine.

PAULINHO 5 – La (buona) volontà non basta. Ma è solo, tanto solo.

NICOLA (all.) 5 – Paradossale: nella catastrofe, s’intravede un’organizzazione. Mica avrà sempre il Napoli da fronteggiare?
L’arbitro

Bergonzi 6,5 – Un solo, piccolissimo appunto: ma perché 3’ di recupero a risultato ormai definitivo?
Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione
L.D.M.

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.