CdS – Napoli-Milan cuore diviso a metà per Nocerino

La lista dei quattro era fatta. Decisa. Sottoscritta con tanto di firma in calce del tecni­co, manager all’inglese: Inler, d’accordo. E poi, Nocerino, Vidal e Dzemaili: loro, le prime scel­te, secondo i dettami di Mazzarri. Che al centro­campista napoletano, grandissimo amico di Ca­vani, aveva pensato già a primavera, quando fio­riscono le idee e le tentazioni di mercato. ‘Ince­dibile’, fu la risposta del Palermo. Ripetuta e ri­badita di settimana in settimana. Fino alla resa. Addio sogni di gloria e di amarcord. Lampi, tuo­ni e via: il 31 agosto la storia cambia e arriva il Milan. E oggi, per Antonio Nocerino da Santa Lucia sarà l’ennesima da avversario nella sua città.

L’INFANZIA – E allora, epopea di un ragazzo nato e cresciuto con la salsedine sul viso sempre ab­bronzato: perché lì, tra i palazzi con vista sul ma­re, l’aria è sempre pregna di sale. Come al Bor­go Marinari, dove Nocerino tra­scorre ore e ore a guardare le barche e mangiare pesce al risto­rante dello zio insieme con l’ami­co inseparabile, Gigi Di Costanzo, all’epoca promessa della palla­nuoto e anni dopo pluricampione italiano ed europeo con il Posilli­po prima e il Recco poi. Mare e poi pallone da strada, una vera e propria università cittadina: scatti, dribbling e foto d’epoca. E una coincidenza: il piccolo Anto­nio usava due maglie, regali di famiglia, quella del Napoli e quella del Milan. Altre storie. Che a 13 anni s’interrompono: Nocerino va a Torino, lo acquista la Juventus.

LA CORTE – Della sua carriera, brillante a dir poco e culminata nella Nazionale, prima ancora del Milan, si sa tutto. Del rappor­to con il Napoli, invece, si cono­sce meno. L’avvocato Marco Sommella, il manager di Posilli­po che fa la spola tra l’Italia e l’estero, conta le telefonate del club e del tecnico azzurro: un an­no, due anni, tre anni. Il Palermo, però, non vuo­le saperne. Mai. Il picco più alto della trattativa va in scena pochi mesi fa, a partire da maggio, quando la Champions è già in tasca e serve la sterzata: Mazzarri parte all’attacco. Richiama, parla, insiste. Ma non c’è nulla da fare: Zampa­rini agita il dito a sottolineare il ‘no’. Secco e ine­quivocabile. Che, però, dopo la repentina rivolu­zione siciliana, il 31 agosto diventa un placet in direzione Milan: Braida e Sommella sono inqua­drati dalle telecamere di tutte le televisioni pre­senti nell’hotel milanese nei pressi di Corso Co­mo, centro di cocktail e movida, mentre si pre­cipitano di corsa a depositare i contratti a pochi minuti dal gong del mercato. E comincia un al­tro round: Nocerino vs.Napoli.

L’AMICIZIA – È il calcio, per carità. E alla delusio­ne della chiusura della porta azzurra, colorata come il mare della città che Antonio ama alla follia, è poi seguita la meritata soddisfazione di essere uno dei campioni d’Italia. E, a seguire, uno degli uomini di ferro del pareggio rossone­ro del Camp Nou con il Barça in Champions. Ti­tolare in Catalogna, titolare oggi al San Paolo. Contro il suo amico Cavani. Più d’un amico, per la verità: Edy e Nocerino hanno condiviso l’espe­rienza di Palermo e non si sono mai più persi di vista. Anzi: si sentono continuamente, si scam­biano sms, si frequentano appena possono. L’ul­tima volta? In Sicilia, prima del trasferimento al Milan: il Matador passa da Palermo e si catapul­ta a casa Nocerino. Da oggi avranno un argo­mento in più da condividere: la corsa al sogno. Che, in napoletano e in castigliano, significa scudetto.

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport 


Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.