CdS – Napoli, sogno Thiago Alcantara

Il figlio di Mazinho ha incantato anche gli azzurri: operazione difficilissima, però...

Meno sei: e al di là d’una porta (soc)chiusa, le idee ballonzolano nell’aria, alimentano le riflessioni, vivono e poi chis­sà. Il mercato è un pavimento scivoloso sul quale passeggia ogni strategia e pure l’esat­to contrario: e quando l’organico sembra or­mai definito, subentra la variabile impazzi­ta o il sorpresone di fine agosto, che ti indu­ce a meditare. Barcellona è il viaggio alla scoperta d’un pianeta infinitamente ampio e talmente popolato da potersi lasciar tentare da guizzi estemporanei: e se quel Thiago Al­cantara… La filosofia è immutata e il Napo­li cerca di restare aggrappato fedelmente al­le proprie convinzioni: Thia­go Alcantara, 20 anni, brasi­liano e calcisticamente figlio di papà – Mazinho – ha tutti e requisiti (e forse persino qualcuno in più) per essere inserito in quel mosaico a prova di Champions: è giova­ne, ha un ingaggio in linea con il profilo finanziario del club, ha piedi, senso agonistico, ha già una esperienza mica da poco, ha persino lo sta­tus comunitario avendo scelto la Spagna co­me patria – e sa tutto dell’Italia, essendo na­to a San Pietro Vernotico, quando suo papà giocava con il Lecce.

MUCHO GUSTO – Al Napoli piace, eccome, e il solletico è venuto lunedì sera, al Camp Nou, dinnanzi ai mostri sacri e all’abbondanza blaugrana nella zona nevralgica: Xavi, Inie­sta, Fabregas, Mascherano, Busquets, Keita. E, come se non bastassero, a far da settimi, da ottavi, un bel po’ di ragazzotti che hanno già il senso compiuto del calcio. Thiago ha qualità, prospettive, spessore tecnico e ca­ratteriale: il Napoli s’è lasciato attraversare dagli splendidi pensieri, pur sapendo che per il ventenne, al Milan e alla Roma è sta­to detto di no. Però non era ancora arrivato (pure) Fabregas. Ora, chissà! Intanto, me­glio tenere lì le considerazioni, cominciare un giro largo, provare a lanciare segnali di fumo, tentare di scorgere qualche spiraglio. In quel caso, il mercato del Napoli non reste­rebbe più serrato.

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport

Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.