CdS – Record convocazioni: partiti con le nazionali ben dieci giocatori

Una grana per Mazzarri

Dieci calciatori prestati alle rispettive nazionali ( sarebbero undici con Lavezzi, stavolta non convocato). E’ record per il Napoli. Mai nella storia del club si era arrivati a tanto. Evidente il segnale di crescita sul piano tecnico. Le­gittimo anche il vanto dei tifosi, fieri delle esibizioni di tanti beniamini in am­bito internazionale. Non altrettanto, in­vece, Mazzarri e De Laurentiis. Giam­mai l’allenatore avrebbe voluto rinun­ciare a dieci elementi, tra cui Pandev, appena arrivato, in un momento così im­portante della preparazione ed alla vigi­lia dell’inizio del campionato e della Champions League; contrario anche De Laurentiis che più volte ha sottolineato quanto siano inopportune e rischiose queste convocazioni specie se si tratta di amichevoli prive di significato. «E’ un sistema che va rivisto. Non possono le federazioni usufruire delle prestazioni di un tesserato, retribuito ed assistito per un’intera stagione dal club di appar­tenenza, come e quando vogliono. Crea­no problemi non da poco a società ed al­lenatori. Sarebbe meglio organizzare certe partite in estate, non convocare gli atleti quando sono in piena attività per il proprio club. E’ un sovraccarico di stress, per non parlare dei rischi di in­fortuni » . E’ un altro dei cavalli di batta­glia del presidente del Napoli che sta cercando di portare avanti in sede Fifa, coinvolgendo più club europei possibili.

I DIECI –Quasi tutti i calciatori azzurri si sono messi in viaggio per rispondere al­le convocazioni. De Sanctis e Maggio so­no già a Coverciano con Prandelli; Pan­dev è volato a Mosca; Fernandez in Ar­gentina per poi raggiungere Calcutta; Cavani e Gargano per Kharkov in Ucrai­na. Problemi, invece, per Zuniga. La na­zionale colombiana, impegnata sabato sera a New York, aspettava ancora di sa­pere se gli aeroporti erano stati riaper­ti dopo il passaggio dell’uragano « ire­ne » . Hamsik, invece, partirà soltanto stamattina avendo dovuto sottoporsi ie­ri ad ulteriori esami strumentali dopo la contusione al quadricipite femorale de­stro.

Soltanto Inler e Dzemaili hanno un impegno per il sei settembre a Basilea per cui possono ritardare la partenza. Ma sono le due partite che dovrà gioca­re Pandev a procurare i maggiori risen­timenti di Mazzarri: avrà pochissimo tempo per provarlo negli schemi del Na­poli. Unica nota di consolazione per il tecnico, la mancata convocazione di La­vezzi: il Pocho potrà proseguire il pro­gramma di allenamenti e raggiungere la condizione migliore per l’inizio del cam­pionato. Ma agli altri dieci, Mazzarri avrebbe risparmiato volentieri viaggi e partite con le loro nazionali.

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport

Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.