C’è tanto Napoli in questo Parma

Da Amauri ai napoletani Mirante e Palladino sarà una domenica pieno di emozioni

Adesso ci vorrebbe proprio un “non c’è due senza tre”. Anche per sbugiardare l’abbrivio della scorsa stagione, quando gli azzurri si fermarono a due; e però anche per sbugiardare quella sfavorevole settima giornata (15 ottobre), storta e mal digerita, con i ducali prevalenti a Fuorigrotta per 1-2. Cosa inaspettata e giusta, anche se non buona. Una curiosità: a risultato già quasi acquisito, l’allora allenatore Colomba (ex Napoli), fece entrare l’ex Santacroce che poi giocò bene nel ritorno del Tardini, anche se gli azzurri si ripresero il maltolto.

SANTACROCE – Sfortunato e anche tanto. Vittima di numerosi infortuni, mal digeriti, il brasilero di nascita, non è riuscito a sfondare Napoli, anche se le premesse c’erano tutte. Riscattato quest’anno dal Parma, sta provando a risalire la china, ma non sembra più lo stesso difensore esplosivo dell’annata 2008/9. Un vero peccato poiché Fabiano Santacroce era arrivato persino alla nazionale di Lippi (sempre nel 2008) pur non giocando. Recentemente ha dichiarato di volere a tutti i costi riconquistare il posto nella retroguardia crociata. Ma, per ora, difficile che trovi spazio.

 

FIDELEFF –

Chi ben comincia… E lui ha cominciato piuttosto bene, ove si pensi che, da difensore mancino, ha subito segnato nella fila del Parma in amichevole con la Samp. Ignacio David Fideleff, argentino di Rosario, corazziere biondo e riccioluto, di certo non ha rubato l’occhio in maglia azzurra, ma è pronto a rimettersi in gioco in una realtà calcistica meno stressante.
A Parma di sicuro devono aver intravisto doti (ancora nascoste) nell’ex Newell’s Old Boys, che potrebbe migliorarsi in una compagine non concorrente. Prestito con diritto di riscatto della metà, ecco la formula, e l’esordio potrebbe essere imminente dopo due panchine.

AMAURI – Ancora Napoli nel Parma, si tratta di un altro ex che ha più volte dichiarato di aver avuto sempre un feeling particolare con la casacca azzurra. Dove fece poche ma già interessanti apparizioni alla fine del 2001 (sei), ritrovando l’idolo Edmundo, conoscendo la moglie Cynthia, ma anche retrocedendo in B. E in azzurro sarebbe tornato, eccome, Amauri Carvalho de Oliveira dopo aver a lungo girovagato, ed espresso il meglio di sé nel Chievo e Juve. Con quest’ultima segnò al San Paolo nell’ottobre 2008 (2-1 per gli azzurri) senza eccessivi segni di giubilo. Tornato quest’anno per la terza volta a Parma, il bomber di Carapiguiba, smaltisce i postumi di un infortunio e partirà dalla panchina.
DONADONI – Dulcis in fundo, il tecnico. Roberto Donadoni non era da Napoli? Probabilmente no. Ma di sicuro non per incapacità (a Parma sta facendo molto bene) ma per motivi ambientali e programmatici. Mettiamola così. Fatto sta che nella stagione 2009/10, quei sette punti per sette partite gli costarono la panchina. Uno scherzetto a De Laurentiis e Mazzarri glielo tirerebbe volentieri, anche perché l’assedio alla porta azzurra dello scorso marzo non produsse quanto sperato. Il Napoli s’impose con un po’ di fortuna. I
NAPOLETANI – Mirante e Palladino. L’ex di Salernitana, Juve e Genoa, nativo di Mugnano (papà calciatore con la Sambenedettese), è stato più volte accostato al Napoli durante la sua carriera. Peraltro convocato nella nazionale maggiore proprio da Donadoni. A tratti geniale, ma alterno, è stato fermato da vari infortuni nelle ultime stagioni. Ha dichiarato che, in caso di gol al Napoli, non avrebbe problemi ad esultare (già lo fece nel marzo 2011). Nemmeno lo stabiese Antonio Mirante è stato nel Napoli, ma a Parma ora è titolare inamovibile, e contro gli azzurri in porta ha spesso fatto il fenomeno. Sarà l’aria di casa…
Fonte: Corriere dello Sport
La Redazione
A.S.

 

Sartoria Italiana
Vesux
gestione sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.