Cm.it, Football Under – Gaeta e Zunno da tenere d’occhio, i 2 campani che il Napoli si è lasciato sfuggire

Cm.it, Football Under – Gaeta e Zunno da tenere d’occhio, i 2 campani che il Napoli si è lasciato sfuggire

Come ogni settimana evidenziamo l’articolo di Calciomercato.it del collega Ciro Troise che fa il punto della situazione dei giovani migliori che si stanno mettendo in mostra nel campionato Primavera:

1. Christian Capone: E’ un altro talento scuola Atalanta, un altro gioiello della fantastica generazione del ’99 che due anni fa portò a casa lo scudetto Under 17. Zeman è il miglior maestro per i giovani, lo sta dimostrando anche a Pescara. L’attacco della vittoria di Carpi di sabato esprimeva 63 anni in tre (sette in meno di Zeman) con Del Sole, Pettinari e Capone. Tre gioielli che, soprattutto nei giovanissimi Del Sole e Capone, possono ripercorrere la storia di Insigne, Verratti e Immobile. Capone è già a quota quattro gol in sette gare ufficiali, tre in serie B, uno ogni 134 minuti. L’Atalanta ha già blindato quest’esterno offensivo classe ’99 di grande qualità ai tempi dell’assalto del Liverpool. Il post Papu Gomez è già in casa, anzi, veramente a scuola dal maestro boemo a Pescara.

2. Mirko Antonucci: E’ stata la sua settimana, quella del tanto atteso e meritato prolungamento del contratto. L’ha festeggiato con un gol nel 3-0 al Qarabag in Youth League. Pericoloso nel dribbling, ha talento, capacità di esprimersi sia a ritmi bassi che alti e a leggere la giocata anche spalle alla porta con rapidità di pensiero e d’esecuzione. Il grande pubblico ha già scoperto le sue qualità nell’amichevole contro la Chapecoense all’Olimpico, quando è sicuramente finito sotto l’osservazione di Eusebio Di Francesco che, infatti, l’ha convocato anche contro il Milan viste le assenze di Defrel e Perotti.

3. Gabriele Gori: La Primavera della Fiorentina è nel gruppetto delle inseguitrici, è ad un punto dalla Roma in compagnia di Verona e Atalanta nel campionato diventato molto più competitivo con il nuovo format. Gori è il bomber della Viola, solo Barrow è davanti a lui con cinque reti. Gori ne ha segnate tre, due sono arrivate venerdì nel 3-1 inflitto alla Lazio in coda alla classifica con un punto insieme a Bologna e Sampdoria. Ha un mancino potente e preciso, uno spiccato senso del gol, è bravo nel gioco aereo, parliamo del classico bomber che può rappresentare una “sentenza” in area di rigore.

4. Lucio Gaeta: Restiamo nel florido vivaio della Fiorentina ma andiamo alla scoperta di un talento più giovane, il classe ‘2002 Lucio Gaeta. Caratteristiche alla Papu Gomez, talento da tenere d’occhio, nel dribbling in velocità è imprendibile, nei Giovanissimi Regionali trascinò l’Assocalcio Salerno alla vittoria del titolo con 30 gol. E’ uno dei tanti prodotti della Campania Felix che il Napoli non riesce a prelevare. Domenica ha siglato una doppietta nella sconfitta per 3-2 subita dalla Fiorentina contro la Virtus Entella, queste due reti sono valse il primato nella classifica cannonieri del girone A della categoria Under 16. La media è di un gol a partita, Gaeta ne ha siglati quattro in quattro sfide disputate.

5. Riccardo Forte: E’ un profilo duttile, può giocare sia esterno offensivo che punta centrale, il ruolo in cui lo sta schierando Gattuso nella Primavera del Milan e Riccardo sta ricambiando la fiducia. Ha realizzato due reti nelle ultime due partite disputate, quelle che hanno portato i primi punti in classifica al Milan: i successi contro Bologna e Napoli. Contro gli azzurri di Saurini, ha sbloccato il match dopo un minuto staccando di testa su un preciso cross di Campeol, terzino sinistro classe ‘2000.

6. Manolo Portanova: Figlio d’arte, suo papà Daniele giocava da difensore centrale e gli ha trasmesso la grinta, l’applicazione, l’aggressività che Manolo ha trasportato nel suo ruolo di mezzala. In Youth League, nella fondamentale vittoria contro l’Olympiakos della Juventus, Portanova è stato un trascinatore, colpendo anche una traversa durante i primi approcci della rimonta bianconera chiusa poi sul 3-1 finale. E’ uno dei tanti acquisti “giovani” compiuti dalla Juventus quest’estate, arriva dalla Primavera della Lazio ma, nel suo percorso influenzato dai cambi di maglia del papà, c’è anche un’esperienza nel settore giovanile del Bologna.

7. Alessandro DI Pardo: Contro l’Olympiakos è entrato al 9′ a causa dell’infortunio di Montaperto ma è stato assolutamente il migliore in campo, sfruttando soprattutto i  tempi d’inserimento, la sua qualità tecnica e la capacità d’attaccare gli spazi. L’ex Spal ha chiuso il match anche andando a segno, una volèe di sinistro dal limite dell’area che ha chiuso i conti della sfida contro l’Olympiakos.

8. Mory Bamba: Classe ‘2002, l’attaccante esterno di origini ivoriane gioca sotto età in Under 17 ma è il capocannoniere del girone C, in compagnia di Iannone della Salernitana. Ricorda Gervinho per la velocità nelle giocate, la capacità di andar via all’avversario palla al piede e le accelerazioni. La Roma l’ha prelevato nel dicembre 2014 dalla Vigor Perconti, facendogli poi vivere un percorso sotto età in tutte le categorie.

9. Filippo Melegoni: Gasperini l’ha fatto già debuttare nella scorsa stagione in serie A contro la Sampdoria, regalandogli un tempo quando non aveva compiuto neanche diciotto anni. Quando vede l’Inter si esalta, non dimenticherà mai il gol ai supplementari nella finale per lo scudetto Under 17. Domenica scorsa ha dato un altro dispiacere all’Inter, andando a segno nella vittoria per 2-0 della sua Atalanta. Può giocare da centrocampista centrale o mezzala, ha nel repertorio i tempi, l’eleganza e le qualità tattiche e tecniche per entrambi i ruoli.

10. Marco Zunno: E’ un altro prodotto della Campania Felix che cresce lontano da Napoli, si è messo in mostra nella Peluso Academy, una realtà giovanile di Sperone, in provincia d’Avellino. E’ passato prima per l’Under 15 della Reggiana, poi l’approdo al Novara che si sta godendo il suo talento da bomber nella formazione Under 17. E’ il capocannoniere del girone A con cinque reti realizzate. Per caratteristiche ricorda Vincenzo Montella, può giocare sia da esterno offensivo che da punta centrale.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google