Corbo: “De Laurentiis sia chiaro con la piazza. Il Napoli non compri mezze figure sopravvalutate”

Corbo: “De Laurentiis sia chiaro con la piazza. Il Napoli non compri mezze figure sopravvalutate”

Visita al cantiere Napoli. La prima impressione è deludente: c’è buio e disordine. Si leggono tonnellate di nomi, sono arrivati Reina e Valdifiori, forse li raggiunge Allan. I fuochi di artificio di De Laurentiis attraverso una stravagante strategia di informare e nascondere rischia di peggiorare il quadro. Se si esce dal fantamercato, si può finalmente ragionare di calcio. Meglio se la società parla chiaro con i tifosi. La premessa è cruda: 1) il Napoli ha giocatori bravi ma non quotati, perché ha trasformato risultati modesti in pessimi; 2) anche Higuain ha fatto di tutto per salire sulla croce sbagliando l’impossibile, e nessuno lo cerca; 3) la società come tutte le italiane è fuori dal giro dei top-player; 4) appena De Laurentiis punta un giocatore mediocre, i prezzi vanno alle stelle. Il Napoli deve ripartire da un’analisi lucida della scorsa stagione. Senza il disincanto di Benitez, con migliori stili di vita e più intensità, davvero era da quinto posto a 24 punti dalla Juve? Senza il disturbo di Quillon con la valigetta da affarista a poche ore dalla semifinale poteva fallire la finale di Europa League? Se ha puntato su un operoso artigiano della panchina, deve credere in Sarri fino in fondo. Quindi: il Napoli non svenda i suoi e non compri mezze figure supervalutate. L’esame dei risultati dice abbastanza. L’attacco, se rivitalizzato nel morale, può solo ripetere i 70 gol. Basta che ritrovino la voglia di calcio Higuain e Callejon, la posizione giusta Hamsik, la concorrenza Mertens e Insigne con Gabbiadini jolly. Il problema è altrove. In difesa. Ed è qui che deve realizzarsi lo scatto di qualità da Benitez a Sarri. La difesa era schierata male e protetta peggio. Sembrava Alice nel paese delle meraviglie. Deve essere più moderna: amministrare gli spazi, pronta a scalare e scattare. Gli avversari li perdeva. Fuori Albiol quindi, con ferie pagate a Formentera o Ibiza. Dentro un difensore tignoso e rapido sul breve. Può essere recuperato Koulibaly, se disciplinato. Con la copertura del centrocampo a tre, basta ridurre il passivo da 54 gol (una frana) a 38. Perché 38? Sono quelli che hanno portato la Lazio e non il Napoli in Champions.

Fonte: Antonio Corbo per La Repubblica


Traduttore e giornalista, ha conseguito con lode la Laurea Specialistica in “Lingue e letterature romanze e latinoamericane” presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” dopo aver concluso, il percorso triennale in “Lingue, letterature e culture dell’Europa e delle Americhe”. Nel 2010 inizia a scrivere per il mensile “Quattroparole” occupandosi di cultura, spettacolo ed attualità. Nell’agosto del 2011 approda nella redazione di Iamnaples.it dove si occupa, prevalentemente, di seguire l’avventura della Juve Stabia nel campionato cadetto.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google