Corini: “Mi aspetto un Napoli fresco e motivatissimo. Mazzarri? E’ preparatissimo”

Corini: “Mi aspetto un Napoli fresco e motivatissimo. Mazzarri? E’ preparatissimo”

Eugenio Corini, allenatore del Chievo, ha rilasciato un’intervista al quotidiano “L’Arena” di Verona. «Una partita di serie A è sempre difficile, visti i nostri obiettivi. Sia che affrontiamo una grande che una nostra concorrente. Certo il Napoli è la squadra che può competere con la Juve per lo scudetto. Conosciamo il valore del Napoli e non dimentichiamo che viene da due sconfitte, una in campionato e l’altra in coppa. Di conseguenza ci aspettiamo una squadra concentrata e motivata che vuol riprendere alla svelta il suo cammino», parole di un tecnico ancora imbattuto sulla panchina del Chievo Verona.

Come sta il Chievo, a livello fisico e psicologico?
«Devo dire che il lavoro settimanale è stato svolto molto bene. Ogni giorno che passa possiamo aggiungere i nostri concetti e lavorare in maniera più appropriata. Ho già visto progressi contro la Fiorentina. Mi aspetto nuovi passi avanti a Napoli».

Sarà dura però…
«Ce la giochiamo in uno stadio importante, con una tifoseria che aiuta molto la propria squadra. Ci vorranno coraggio e personalità».

È sbagliato sostenere che, vista la forza dell’avversario, il Chievo ha il vantaggio di non avere nulla da perdere?
«È sbagliato. Per me un concetto fondamentale, che io ripeto sempre ai ragazzi, è che ogni partita vale dei punti. Possiamo giocare anche contro la squadra più forte ma io in partenza non lascio niente. Il concetto che “tutto quello che viene è buono” non fa parte della mia filosofia. Giochiamoci la partita e poi vediamo quel che riusciamo a portare a casa».

Allora non avete fatto programmi sul tour de force Napoli-Pescara-Milan? Se le garantissero cinque punti nelle prossime tre la firma non ce la metterebbe?
«È sempre brutto farlo. In assoluto potrebbe anche andarmi bene ma non mi va di dirlo. È normale che sulle tre gare in sei giorni qualche ragionamento lo si può fare. Però intanto partiamo con l’idea di fare punti a Napoli e poi tireremo le somme».

Mazzarri dice di temere molto la gara col Chievo, invidiando a Corini di aver avuto un’intera settimana per prepararla…
«Lui ha avuto anni di lavoro per preparare il Napoli.Da questo punto di vista i vantaggi ce li ha l’allenatore del Napoli, che oltretutto è bravissimo, preparatissimo ed è da qualche anno che lavora su una certa fisionomia di gioco e ha già dato una bella impronta alla sua squadra. Ottenendo anche risultati importanti».

Quindi nessuna situazione di favore per voi.
«No, anche perché in coppa molti titolari hanno riposato e io mi aspetto un Napoli fresco e motivatissimo».

Cosa c’è da temere di più del Napoli. Proprio la voglia di riscatto o altro?
«Temo il valore assoluto di una squadra che negli anni si è consolidata e ha giocatori forti a livello mondiale.Da Cavani a Pandev a Hamsik. Cui hanno aggiunto altri elementi di qualità. Il Napoli, anche quando è in difficoltà, può contrattaccare con forza, tecnica, velocità.E quando lo fai a Napoli, col sostegno del pubblico, diventa ancora più dura per gli altri. Per noi sarà un bel test, probante».

Quindi che tipo di gara chiederà di fare al suo Chievo?
«Sappiamo che dobbiamo limitare il Napoli nella nostra fase di non possesso. Pensando sempre di poter ripartire. Personalità e coraggio stanno in questo. Se pensiamo di poter fare solo una partita d’attesa è più facile che il Napoli trovi il gol. Se invece pensiamo di poter ripartire li faremo stancare. Anche loro dovranno correrci dietro. E saranno meno lucidi quando attaccheranno».

Pensa al trequartista?
«Non mi sbilancio troppo. Però qualche novità può essere opportuna.Vedremo».

Fonte: L’Arena di Verona

La Redazione

C.T.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google