Criscitiello: “Ecco la mia griglia di partenza per la Serie A”

Ultimi 9 giri prima dell’arrivo, ultime trattative prima di emettere verdetti e giudizi definitivi su una sessione estiva di calciomercato al risparmio per tutti, dalla quale in molti escono ridimensionati. Al nostro prossimo appuntamento settimanale (lunedì) il campionato sarà già partito, con gli anticipi del sabato ed il programma di domenica della prima giornata. Quindi, se come ogni anno vogliamo rispettare le buone abitudini, la griglia di partenza va fatta prima del via; anche se la stessa è completamente soggetta a modifiche al termine di questi ultimi 9 giorni di mercato, nei quali davvero succederà di tutto. Per le big e non solo; perché la sensazione è che quest’anno tutto si farà in extremis: abitudine tutta italiana, dopo tre mesi di mercato. Zarate, Lavezzi, Eto’o, Aquilani, Montolivo, Gilardino, Maxi Lopez, Amauri, Iaquinta, l’esterno per la Juve, i rinforzi per Roma e Palermo. Se ci fate caso, sono tutte operazioni che vanno fatte, in entrata e/o in uscita, ma ancora siamo lontani dal trovare una soluzione. Per questo, nella nostra griglia possono retrocedere, così come avanzare, le varie squadre. Ad oggi, e sottolineiamo ad oggi, la vediamo così:

Prima fila (chi lotterà per lo scudetto)
MILAN

Seconda fila (chi lotterà per la Champions, secondo e terzo posto)
INTER-NAPOLI-JUVENTUS

Terza fila (chi lotterà per l’Europa League)
ROMA-LAZIO-UDINESE-GENOA

Quarta fila (campionato tranquillo)
PALERMO-ATALANTA-FIORENTINA-CESENA-CATANIA-PARMA

Quinta fila (a rischio retrocessione, in corsa per la salvezza)
CHIEVO-BOLOGNA-SIENA-NOVARA-CAGLIARI-LECCE

Qualche spiegazione: se dovesse restare tutto così, cosa impossibile, per lo scudetto abbiamo inserito volutamente solo il Milan. Dietro il vuoto, compreso l’Inter, ancora un cantiere aperto e con troppe incognite. Adriano Galliani sa bene che può vivere di rendita ancora per un anno, almeno in campionato, perché non ha rivali ma per l’Europa i rossoneri sono distanti dagli standard di un tempo. In lotta per la Champions il Napoli; non crediamo allo scudetto ma si può ripetere ad alti livelli, anche se De Laurentiis dovrà fare di tutto per trattenere Lavezzi. In caso di partenza dell’argentino, sarebbe un disastro. Chiunque arrivasse al suo posto, non sarebbe mai la stessa cosa per il tifoso partenopeo.

La Redazione

A.S.

Fonte: TMW

Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.