Dai tre gol di Torino alla trasferta romana…

Caro vecchio, adorato Napoli! In quanti guai ti cacci! Mentre a Milano, la Milano di “è sempre calciomercato” , inizia lo sfoltimento della rosa ed i rinnovi contrattuali degli elementi confermati da Walter Mazzarri; ma sarà ancora lui l’allenatore del Napoli?, tutti stanno lì a domandare e a domandarsi; l’allenatore del Napoli risponde: “ho un contratto fino al 2013 e intendo rispettarlo“. Tanti sondaggi  per Mazzarri ma nessuna richiesta concreta come non l’ha avuta Montella, il quale ringraziasse Pietro Lo Monaco ed il Catania per la grande opportunità avuta e dove ha potuto dimostrare tutta la sua bravura;  assisto ai ludi della cortesia.  Mentre Lavezzi ed il “suo” Mazzoni sgomitano, un tal Fabio Quagliarella, figlio del rione Annunziatella di Castellamare di Stabia, batte punizioni sei metri lontano dalle porte dei pipelet avversari e fa un gol al Napoli, bellissimo, esaltando la sua immensa classe (senza esultare!) e quella di Del Piero.

Sono preoccupato.  Mazzarri è senza ombra di dubbio un grande allenatore ed uno dei migliori d’Italia; non ha certo un bel carattere, ma scusate la cacofonia, tutti quelli che hanno carattere hanno sempre un brutto carattere. Sono preoccupato. Il rapporto con il Presidente non è buono. Lui vorrebbe andare via ma non sa dove andare, il Presidente vorrebbe mandarlo via ma non sa chi prendere: scottano ancora “l’errore Donadoni” e “l’esonero di Reja”.

La soluzione è semplice: confermare Mazzarri, fare in modo che lavori tranquilli e trovare, cosa assai difficile uno spin doctor che lo collabori nei, purtroppo, continui contatti con la stampa, e spero per il Napoli che Fassone, Lombardo, Scozzafava e Chiavelli convincano il Presidente che solo e soltanto con il dialogo e la mediazione i fatti di casa Napoli possono e potrebbero ritornare tranquilli. Sia fatta la loro volontà. L’arroganza, la protervia, la spocchia mai hanno pagato…….eppure girano l’Italia, non solo Inter, Milan e Juve ma anche Lecce, Pianura e Sorrento.

Cara vecchia Italia del calcio, quante me ne combini! Ma quanta colpa ha la gente minuta, spicciola, il tifoso, l’appassionato, il giocatore in se per se? E quanta altra invece il dirigente? Colui che dovrebbe condurre e non conduce, colui che dovrebbe fissare il tema e non fissa? E in certi luoghi, dove pure dovrebbe nascere lo sport, che odori si percepiscono? Sono centri di sport o sentine puzzolenti? Non sono bastati gli arresti del calcio scommesse degli anni 80 e poi il toto nero, quindi Calciopoli, adesso ci voleva anche Scommessopoli. Come fa male vedere ammanettare i CALCIATORI ad uno come me che ha passato una vita sui campi di calcio, da quelli polverosi della mia gioventù ai sintetici di oggi: Signori, Doni, Gervasoni, PaoloniAndrea Masiello.

Maneggioni, perfidi, ben protetti, spiano e speculano. Su tutto e con un cinismo, e una disonestà che li sta portando in carcere. Il lavoro instancabile dei PM Salvini, Narducci, (oggi Assessore al Comune di Napoli), Beatrice, quelli di Bari e di Cremona ed altri è orientato proprio su costoro. Maneggione (o accattone) però non è l’ex giocatore che per sbarcare il suo difficile lunario, gira ed osserva; maneggione non è il tecnico rimasto senza posto e quindi adattatosi a scoprire talenti; questi fanno parte del mondo dello sport, vi appartengono di diritto; devono restarci. Maneggione è colui che coltiva le simpatie del presidente – fesso, spacciandogli per vere mille menzogne, falsando la realtà; maneggione però finisce con lo essere anche il presidente che si fida troppo di lui!

C’entra in questo discorso anche la Lega? Serie A, Serie B, Professionisti, la Lega Pro (ex serie C), l’Interregionale (oggi Serie D), la Dilettanti ed i suoi tantissimi Comitati Regionali, Provinciali e Locali, che sia? Per carità! Ma se questi organismi non operano selezioni, se non aiutano, ad esempio, i tecnici ed i giocatori locali ad essere utilizzati, se si prestano al caos che esiste, si fanno corresponsabili dello andazzo e allora conviene intervenire.

In Italia c’è odore di bruciato ma non nelle società, non nei giocatori, non in alcuni dirigenti, non nei veri talent scout, o nei manager seri, ma in un “giretto” ormai individuato e quindi quasi in fuori gioco. Accade in qualsiasi parte d’Italia, compresa la Toscana e la Lombardia, con rispetto parlando, ma quel che accade qui subisce modifiche, stravisamenti, piccole, delicate ma importanti violenze. Il pinco che parla con palla, è fatto comune: ma da noi la speculazione è diventata legale.

E non vado a parare dalle parti del moralismo, ma dalle parti dello sport che va difeso. Dalle parti del calcio che sta andando a puttana, per colpa innanzitutto di alcuni dei suoi dirigenti più noti.  Molti di loro, infatti, sono trascinati davanti ai Tribunali di Napoli, Bari, Cremona, Roma e Torino, scandalizzando e facendo gridare con le loro autorevoli voci Oliviero Beha, Marco Travaglio, Aldo Agroppi e, dulcis in fundo, Zdenek Zeman, attenti osservatori non solo delle tattiche del calcio ma anche dei dibattimenti giudiziari.

Cara vecchia Napoli, dici che faccio del moralismo spicciolo? Manco a pensarlo. Cerco di dire la verità, convinto come sono che solo le troppe verità taciute fino a oggi, ci hanno sconciato come sappiamo e vediamo. Dici che non cambia niente? Non è vero. Tante cose ho visto cambiare in 42 anni e passa di giornalismo, al servizio appunto del vero.

Ma non bisogna cedere. Questo è il segreto. Bisogna saper lottare e vincere. Come vinse Mauro Bencivenga, il mio capitano di un lontano Casoria in C2. Ha lottato, in una terra lontana, in Albania, da allenatore del KF Tirana, ha vinto lo scudetto di quella Nazione. E gli sono arrivati oltre i miei auguri  quello dei suoi allievi del 1999, cioè Daniele De Rossi, D’Agostino, Pepe, Bovo, Lanzaro e quelli di Damiano Tommasi, un grandissimo che l’Italia che cambia ha eletto a Presidente dell’Associazione Italiana Allenatori.

Il mercato del calcio meridionale è prima che una mia invenzione una necessità sociale immediata. L’ho detto, attraverso il Dr. Nicola Lombardo,  a De Laurentiis e a De Laurentiis, spero, gli venga il prurito di volerlo organizzare lui!  In Villa Comunale, a Mergellina, sul Corso di Secondigliano, al Terminus, al Vesuvio, nella bellissima Salerno, a Caserta, a Benevento,  a Mercogliano, nella Avellino che ha visto nascere Pier Paolo Marino, sotto l’ala protettrice di don Antonio Sibilia. Tante sono le locations. Lo spero.

Cannavaro, Borriello, Di Natale, Nocerino, Migliaccio, Insigne, Ciano, Maiello, Floro Flores, Criscito, Lodi, Grava e  Quagliarella mi fanno sperare che, adesso, tutti scoprano il calcio di casa. Perfino, il vulcanico Aurelio…. E non credo, spero per lui, sia disposto a far esplodere altre guerre. Non gioverebbe, del resto, all’ uomo di azione. Si ritroverebbe solo. E, noi tutti, invece, intendiamo rispettare i suoi trionfi. De Laurentiis ha dimostrato in questi anni del suo ritorno a Napoli di essere davvero bravo ma appartiene a quella categoria di campani (è di Torre Annunziata ndc) che si ritiene decisamente più furba di tutti. Se si ostina, come sembra che stia facendo, cadrà miseramente, come sono caduti tanti prima di lui (Fiore, Ferlaino, Corbelli, Naldi, Gaucci etc.).

Una nuova classe di dirigenti sportivi è pronta. Vi fanno parte……………………………: apriamo le porte ma diciamo loro di continuare ad avanzare nello sport non più con le astuzie e gli inghippi ma con l’intelligenza. Lo sport non è una gara tra furbi ma tra gente sana. E, poi, noi non aduliamo ma con onestà critichiamo. Che capiscano costoro che saranno rispettati se sapranno rispettare. Che vinceranno se sapranno lottare. La cara, vecchia Campania, Napoli, il Sud tutto, hanno bisogno di un pizzico di amore e di onestà con lo sport. Concedetemi in chiusura un pensiero affettuoso e sportivo a tre grandi campioni: Antonio Ghirelli, Franco Mancini e Giorgio Chinaglia.

Nando Troise

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.