De Laurentiis “cinguetta” con i tifosi: «Riprenderei Lavezzi? Perché no! Verratti era mio, me l’ha soffiato il PSG»

Il presidente era ieri sera un convegno dopo essere stato per cinque ore su Twitter: 34mila messaggi

Le indicazioni di mercato il presidente De Laurentiis le fornisce a fine giornata, in un forum sulle differenze tra il calcio inglese e quello italiano al teatro di Dimaro, dopo essere stato per cinque ore a «cinguettare» con i tifosi su Twitter. «Higuain sarà anche bravissimo, ma non siamo da soli, c’è il Chelsea che ha offerto cifre blu, come l’Arsenal. Lo stiamo seguendo, ma Damiao, per Benitez, è adatto al suo gioco. Deve decidere lui. Lasciamolo lavorare in tranquillità senza dargli pressioni. Siamo pronti a comprare sempre, ma per farli giocare. Non siamo come l’Udinese e non mi interessa quel tipo di mercato». C’è attesa anche per il portiere. «La questione portiere è in fieri. Tre ore fa mi sono stancato e ho detto a Benitez, marciamo su questo lato? Tra poche ore avrete delle novità». La questione Zuniga. «Zuniga lo accogliamo a braccia aperte, ma ha un agente che pensa di essere un genio. Farà quello che vuole fare, gli ho fatto un’offerta per tre anni. Se andrà via prenderò uno migliore di lui, nonostante lo stimi tanto».

Nella giornata, De Laurentiis era stato cinque ore incollato al computer a twittare con i tifosi. 34mila domande sono arrivate dai tifosi azzurri, lui ne ha risposto ad ottanta. De Laurentiis scatenato sul web e sempre più protagonista del ritiro azzurro. S’interfaccia con i tifosi, contribuisce ad alzare il livello dell’entusiasmo e sceglie sempre più Twitter come mezzo diretto per comunicare con i tifosi azzurri. Il presidente annuncia che riprenderebbe Lavezzi ed esclude le voci di un ritorno di Quagliarella, conferma che è in trattativa con Higuain e Damiao e spiega che ha 124,5 milioni da spendere per il Napoli, che aprirà il museo della storia del Napoli, e che ha scelto il nuovo inno per il Napoli. «Sarà un’elaborazione di ’O surdato nnammurato». E ancora sulla canzone cantata allo stadio. «L’inno della Champions mi fa impressione e mi eccita ma mai quanto il San Paolo quando canta ‘O surdato ‘nnammurato». Tanti tweet, uno speciale. «Lo scudetto al Napoli sarebbe l’Oscar per il miglior film di questi ultimi anni». Quello più ad effetto alla domanda di un tifoso su Lavezzi: lo riprenderebbe? «E perché no». Discorso diverso per Quagliarella. «No, non sono vere le voci di un suo possibile ritorno». Ancora su Cavani e Lavezzi. «Il Pocho era il Pocho ma Cavani è Cavani», risponde a un tifoso che gli chiede a chi è più affezionato.
Il tema caldo, il mercato. «I milioni di euro per Cavani sono 64,5 che uniti ai sessanta che avevo messo in budget diventano 124,5 da essere investiti nel Napoli con diligenza ed esperienza». Cavani che è pronto a sfidare. «Mi stimola moltissimo una sfida in Champions contro il Psg». La conferma che aveva in mano Verratti. «Verratti l’avevo comprato dal Pescara ma non trovando posto nel Napoli ha preferito andare al Psg. Ho provato a ricomprarlo ma non c’è stato nulla da fare». Nessun timore per le partenze di Mazzarri e Cavani. «Nessuna recriminazione, il progetto aumenta di spessore come programmato. Walter all’Inter l’ho visto sorridente». La fase di stallo per la trattativa con Julio Cesar. «Julio Cesar è un oggetto misterioso anche per me. Devo capire ancora se ha tanta voglia di Partenope. Condizione indispensabile!». E poi: «L’agente di Jovetic mi disse un anno fa che il ragazzo ambiva ad andare solo in Inghilterra». La conferma che l’anno prossimo il ritiro sarà ancora a Dimaro. «Sarà sicuramente in Trentino. Anche per voi sarà un’esperienza unica, potrete seguire il Napoli in un paesaggio indimenticabile».
Sposa in piena l’dea di un fan azzurro. «Quando lo stadio sarà mio, ci saranno le gigantografie dei giocatori». E spiega come immagina lo stadio ristrutturato. «Il rifacimento del San Paolo passerà per 2 fasi: prima la ristrutturazione del campo e degli spogliatoi, poi le parti commerciali ed esterne. La prima fase con la costruzione moderna delle nuove tribune richiederà un paio d’anni, poi altri 2/3 per parti commerciali ed esterni». La novità per il futuro: «A Natale è prevista l’apertura del museo del Napoli in un posto centrale che sarà una grande sorpresa».

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.