Debutto al San Paolo di Lorenzo Insigne. Ci saranno 25.000 spettatori

Contro i tedeschi mancheranno solo Inler e Donadel

La notte del Bimbo d’oro. La notte magica di un sogno, di una stellina e di un amore pazzo prima ancora di una cena a lume di candela. Se è vero che l’amichevole di mezza estate, Napoli-Bayer Leverkusen, non passerà alla storia per le motivazioni, è altrettanto vero che quella in programma stasera alle 21 al San Paolo resterà negli annali della vita azzurra come la partita del debutto a Napoli di Lorenzo Insigne. Nella sua città, davanti al suo popolo e a 25mila spettatori. Da titolare insieme con Goran Pandev. Tutto vero. Tutto bello.

VERSO LA JUVE – E allora, amichevole di extralusso: la sfida con i tedeschi, che darà la possibilità di conquistare, l’Acqua Lete Cup, servirà a Mazzarri per testare la condizione, il rodaggio della squadra e del 3-5-1-1, ma soprattutto per cominciare a tracciare le linee guida che porteranno dritte alla finale di Supercoppa con la Juventus. Beh, l’indicazione emersa ieri in allenamento è chiara: senza il Matador Cavani, il tecnico ha varato la coppia Insigne-Pandev, con il genietto alle spalle del genio.

LA DEDICA – Roba da non credere? Macché, credeteci eccome. Perché Insigne è il talento puro, l’estro che duetta con il gol: logico che Mazzarri punti a responsabilizzarlo e a valutarne la tenuta. Sacrosanto. Gli occhi del San Paolo, già innamorato di Lorenzo dopo aver amato Lavezzi, il Pochò che non c’è più, saranno tutti per il Bimbo d’oro: e pioveranno cori d’incoraggiamento e carezze. Le stesse che Lorenzo ha dedicato al suo scopritore: «Inter e Torino mi bocciarono, ritenendomi troppo piccolo: in me ha creduto soltanto il direttore Santoro». Giuseppe Santoro, ex numero uno del vivaio e oggi collaboratore di Mazzarri: acquistò Insigne, tra le risate collettive, per 1.500 euro. E oggi a ridere è lui. Anzi il Napoli.

FAMIGLIA AL COMPLETO – In tribuna, ovviamente, ci saranno anche gli esponenti della famiglia al completo: don Carmine, il papà (mancino) che come Lorenzo (destro) sognava di sfondare da attaccante e che poi, dopo le giovanili della Casertana, fu indirizzato da suo padre ad abbandonare il calcio; donna Patrizia, la madre; i fratelli Antonio, Roberto (talentuoso centrocampista della Primavera azzurra) e Marco. Tutti lì. Tutti insieme appassionatamente per il debutto al San Paolo. Bentornato a casa. Con tanto di lacrime di gioia e di orgoglio. E con la speranza di vedere la linguaccia alla Del Piero in segno di festa.

LA VIGILIA – Al di là di tutto, oggi a casa Insigne si brinderà: perché dopo l’esordio in serie A lontano da Napoli – a Livorno e grazie a Mazzarri -, la mezza stagione con la Cavese, i campionati trionfali con il Foggia e il Pescara, e la convocazione in Under 21, Lorenzo debutterà nello stadio dei suoi sogni. Emozione? Beh, ieri mattina, alla vigilia, il giovanotto ha parlato poco: concentrato già prima di arrivare al centro sportivo di Castelvolturno per l’allenamento, e comunque non ancora certo di scendere in campo dal primo minuto al fianco di Pandev. Una vigilia bella e intensa, però, trascorsa al telefono con la signorina per cui ha scelto il 24 come numero di maglia ( «E’ il giorno in cui è nata la mia fidanzata» ), e con il suo manager, Antonio Ottaiano.

IL RINNOVO – Manager che fa rima con contratto: oggi è l’Insigne-day in campo, domani sarà quello davanti a una scrivania. Sì, proprio così: tra ventiquattro ore, dopo l’incontro in programma tra il club, Ottaiano e il suo socio, Fabio Andreotti, dovrebbe chiudersi anche la vicenda del prolungamento del contratto del ventenne attaccante. L’intesa è praticamente trovata, bisogna soltanto ratificare: una firma e poi Lorenzo si ritroverà legato al Napoli fino al 2017 e titolare di un ingaggio più consono alle sue qualità.

LA SQUADRA – Per il resto, oltre al varo della coppia Insigne-Pandev, ieri Mazzarri ha provato in porta Rosati e Zuniga a destra, al posto di De Sanctis e Maggio, al lavoro soltanto da lunedì. Non convocati Inler, per precauzione dopo la distorsione alla caviglia sinistra rimediata nel test con il Grosseto, e Donadel, come da tabella personalizzata. Ballottaggio Gargano-Behrami a centrocampo.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.