Dopo mesi di viaggi Cavani si rilassa per essere al meglio contro la Juventus

Il "Matador" è la bestia nera dei bianconeri e vorrebbe continuare la tradizione positiva

Vacanze vere e proprie ne ha fatte poche. Una settimana a Salto, andando a pesca e rilassandosi a casa dei genitori in compagnia di Maria Soledad e del piccolo Bautista. Per il resto, Cavani ha girovagato da un aeroporto all’altro, ha partecipato alle qualificazioni per il Mondiale e alle tre gare per l’Olimpiade.
Così ieri al termine dell’allenamento mattutino, Mazzarri se l’è chiamato in disparte ed ha voluto parlargli a quattr’occhi. « Come ti senti? », « Quanto hai riposato in questi giorni? », « Sei pronto per venire a Pechino? ».
Il Matador avrebbe risposto che non c’era alcun problema nel caso fosse stato mandato in campo già con lo Sporting Braga; che si sentiva bene, solo leggermente affaticato (e deluso) per come era andato alle Olimpiadi con la sua Uruguay; che era pronto per avventarsi sulla Juve, la sua vittima preferita: tre gol in campionato, uno nella finale di Coppa Italia su rigore. Mazzarri ha cercato di andare al di là delle parole. Lo ha scrutato per bene. Ha valutato. Poi di comune accordo hanno deciso che la soluzione migliore era quella di saltare l’amichevole con i portoghesi, riposare del tutto oggi che è domenica e prepararsi alla partenza con i compagni fissata per lunedì mattina. Mazzarri si è anche informato della famiglia del Matador, specie dopo il furto dell’orologio subito dalla moglie mentre lui era a Londra (orologio peraltro ritrovato in un locale poco distante dall’accaduto). E poi ha chiesto notizie del piccolo Bautista. Insomma una bella chiacchierata tra i due, come l’allenatore usa fare con tutti. Mazzarri non si limita al lavoro di campo con i suoi, ama interessarsi anche delle rispettive famiglie e magari tentare di risolvere eventuali problemi.

 

DI COMUNE ACCORDO – Pur disponendo di doti di recupero incredibili, Cavani ha convenuto con il tecnico che non era il caso di forzare la mano. « Sì, mister, forse è meglio che riposi due giorni. Il viaggio a Pechino è lungo », avrebbe aggiunto l’attaccante, vanamente inseguito proprio dalla Juve il mese scorso. Il Matador si è sottoposto a uno stress incredibile dopo la Coppa Italia. E’ andato a Miami per l’amichevole organizzata da Messi, poi a Montevideo per preparare le qualificazioni al Mondiale, quindi a Londra per l’Olimpiade, infine di corsa a Napoli per rendersi disponibile per la trasferta in Cina. Non solo, l’esperienza londinese gli ha provocato anche una delusione calcistica. Non restava altro che arrendersi e ascoltare quanto gli veniva suggerito da Mazzarri.

TRANQUILLO E DETERMINATO – Cavani e sua moglie hanno già archiviato l’episodio dello scippo: « Succede in tutte le città del mondo », avrebbero commentato. Ed è tranquillo sul fronte contrattuale. Saranno i suoi procuratori (Triulzi ed Anellucci) a portare avanti il discorso economico con il Napoli. Se De Laurentiis ritiene di ritoccargli il contratto con ulteriori incentivi, bene, altrimenti Cavani giocherà come prima, senza mettere bronci perchè non rientra nel suo costume. Ma se continua a segnare con questo ritmo, trentatré gol a stagione tra campionato e coppe, il Napoli inevitabilmente dovrà riconoscergli meriti e cercare di trattenerlo con un’offerta adeguata al suo rendimento. Intanto in mattinata, lui e la moglie sono stati in Questura dove hanno riconosciuto l’orologio sottratto dai ladri e ritirato non prima di aver ringraziato gli agenti. Oggi un po’ di relax al mare non guasta.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.