Ferrario consiglia Cavani: “Stai sereno e riprovaci”

L'ex difensore azzurro: "Il Matador e Hamsik non sono tranquilli dagli undici metri"

Rigorista non si nasce, si diventa. Parola di Moreno Ferrario, che negli anni Ottanta i compagni in maglia azzurra nominarono sul campo tiratore scelto. Proprio così, sul campo.

«Fu a Salerno. Rigore per noi e non si sapeva chi doveva andare sul dischetto. Fu Bruscolotti a dirmi: vacci tu. Io? Ma se non ho mai tirato un rigore in vita mia? Vai, vai, di te ci fidiamo, mi disse. Tirai, feci gol e nei i due anni successivi fui io il primo rigorista della squadra».

Però, è vero pure che da quel momento Ferrario studiò da rigorista. Pallone sul dischetto e ad ogni allenamento uno, dieci, cento tiri. Bilancio: otto rigori e sette gol.

«Sì, uno lo sbagliai. Era l’84, a fine campionato. Avemmo due rigori: il primo lo segnai, l’altro alzai troppo il tiro e il pallone finì fuori».

Udinese, rigore, gol mancato. Storia anche recente. E’ capitato a Cavani l’altra sera. Visto che cosa ha combinato El Matador?

«Visto. Ma ho visto pure che cosa ha saputo fare dopo. Un errore grave e poi due gol. Una reazione straordinaria». E in quanto al rigore, invece? «Cavani ha calciato giusto come non si deve mai calciare: praticamente niente rincorsa, insicurezza, tiro centrale, lento. Ma succede».

Già, capita. Ma il problema è che al Napoli questa storia dei rigori sbagliati sta capitando troppo spesso: 8 i tiri dal dischetto in questo campionato e addirittura 5 quelli sprecati malamente. Tre da Cavani e due da Hamsik. Come si possono spiegare tanti errori?

«Molti dicono che oggi, avendo la possibilità di studiare meglio i rigoristi, i portieri sono diventati assai più bravi. Può darsi, ma la mia teoria è un’altra. E’ che quando il pallone sta là, a undici metri dalla porta, non conta nulla se sei un campione oppure no. Valgono solo la tranquillità e la sicurezza con la quale tiri. La mia storia è indicativa. La storia di un difensore dal piede nient’affatto vellutato, eppure bravo dal dischetto».

Vuol dire che Hamsik e Cavani non sono sereni quando battono i rigori?

«Nelle occasioni in cui hanno sbagliato, così è stato. Altrimenti, come spiegare quel tiraccio di Cavani a Udine?».

Sarebbe meglio se d’ora in avanti El Matador non ne tirasse più?

«Assolutamente no. E’ che quando gli capiterà di nuovo, dovrà essere sereno, tranquillo, sicuro. E poi dovrà mirare l’angolo preferito e tirare con la potenza giusta. Sono sicuro che si rifarà».

Esiste il rigore perfetto?

«Certo che esiste. Me lo spiegò il barone Liedholm quando, dopo undici stagioni al Napoli, andai a giocare con la Roma. Mi disse: vuoi segnarli tutti? Allora manda il pallone tra il palo e il ferro di sostegno della rete. Là il portiere non ci può arrivare».

E lei fece così?

«No. A me piaceva mandare il pallone dalle parti dell’incrocio. Un rischio? Macché. Quando il pallone è sul dischetto i rischi sono tutti del portiere. Se ci vai tranquillo e se già hai scelto l’angolo, non puoi aver problemi. Ed è proprio questo che consiglio a Cavani per il prossimo rigore».

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.