Fiorentina, Commisso: “Nedved? Non so chi gli dia quest’arroganza”

Arrivano altre dichiarazioni da parte del presidente

Arrivano altre dichiarazioni da parte del presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, che ai microfoni di Radio Bruno Toscana torna – tra le altre cose – anche sulle polemiche arbitrali dopo il ko contro la Juventus: “Io non ce l’ho con la Juventus. La cosa che ho detto è solo che non ha bisogno di aiuti. Quando sono venuti a giocare da noi li ho salutati, per primo Buffon, l’ho ringraziato per quanto ha fatto, anche con l’Italia. Anche Sarri, ci ho parlato poco perché stava male. L’unico che non mi ha salutato è stato Nedved, non so chi gli dia quest’arroganza. Vada a casa sua”.

Cosa direbbe ad Agnelli su Nedved? “Pradè e Joe Barone non hanno mai fatto queste cose. Io ho rispetto per John Elkann, conosco la sua famiglia. Lasciamo fare Lapo, poveretto, che ha i problemi suoi. John mi ha salutato, e mi ha chiesto perché proprio io, juventino, prendevo la Fiorentina”.

Le parole di Nicchi. “Non so come si fanno le cose qui in Italia. Se è una minaccia, serve una risposta riservata e formale. L’organizzazione degli arbitri è come quella dei giudici. Sa quante critiche prendono i giudici negli USA e stanno zitti? Lo facciano anche loro”.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.