FOCUS – Viaggio alla scoperta delle possibili eurorivali del Napoli. Dalla Danimarca alla Turchia passando per Belgio, Francia e Spagna

Sempre più vicini a scoprire chi incrocerà il Napoli sul cammino che porta alla fase a gironi di Champions League. Domani a Nyon, sede dei sorteggi UEFA, gli azzurri saranno inseriti nella prima fascia delle squadre ”non campioni” dei propri paesi insieme ad Arsenal, Porto, Zenit San Pietroburgo e Bayer Leverkusen. I possibili incroci sono con Athletic Bilbao, Lille, Copenaghen, Standard Liegi e Besiktas. Ecco da vicino i possibili avversari:

Il Copenaghen è una società danese ed a livello internazionale è stata ammessa per la prima volta alla fase a gironi della Champions League nel 2006-2007.  La prima partecipazione alla massima competizione europea risale al 1993-1994, quando viene eliminato agli ottavi di finale dal Milan. Vanta inoltre numerose partecipazioni alla Coppa UEFA. L’allenatore è il norvegese Stale Solbakken. Tra i calciatori di maggior rilievo ci sono Antonsson, appena prelevato dal Bologna, Delaney, Cornelius e Wilan, il portiere capitano protagonista nella scorsa Champions League nel girone con Real Madrid, Juventus e Galatasaray. Il Parken Stadium conta una capienza di 38.065. Nell’attuale campionato occupa la settima posizione frutto di 1 vittoria e 2 pareggi nelle prime 3 gare di campionato.

DIFFICOLTA’ : BASSA

Il LOSC Lille, è una società di calcio di Lilla, città della Francia settentrionale. Fondato nel 1944, milita nella Ligue 1, la massima serie del campionato francese di calcio. Nell’ultimo campionato è finito 3° dietro ai colossi Psg e Monaco. Gioca le gare interne nello Stade Lille Métropole con una capienza da 18.185 spettatori. Nelle fila della squadra francese spiccano i nomi di Origi, l’attaccante del Belgio acquistato dal Liverpool ma che rimarrà in prestito ai francesi, Enyeama portiere protagonista ai Mondiali con la Nigeria, Kalou ex Chelsea e Kjaer vecchia conoscenza del calcio italiano. Renè Girard è l’allenatore.

DIFFICOLTA’ : ALTA

L’Athletic Bilbao,è una società situata nella provincia di Biscaglia, nei Paesi BaschiÈ uno dei tre club spagnoli a non essere mai retrocesso e ad aver partecipato a tutte le edizioni della Primera División (record condiviso con il Real Madrid e con il Barcellona). A livello europeo i migliori risultati conseguiti sono stati il secondo posto in Coppa UEFA nel 1976-77, ottenuto perdendo la finale contro la Juventus per la regola dei gol in trasferta (sconfitta per 0-1 a Torino, successo per 2-1 a Bilbao), ed il secondo posto in UEFA Europa League nel 2011-2012, con sconfitta subita dall’Atlético Madrid per 3-0 nella finalissima. Il club è noto per la sua politica di tesseramento di soli giocatori che siano baschi o di origini basche. Muniain, Iturraspe, Aduriz e Susaeta sono i calciatori da tenere d’occhio, vista la partenza di Herrera passato al Manchester United. L’allenatore è Ernesto Valverde. Lo Stadio di San Mamés contiene fino a 40.000 posti.

DIFFICOLTA’ : ELEVATA

Il Beşiktaş Jimnastik Kulübü è un club sportivo di Istanbul, fondato nel 1903. Insieme a Galatasaray e Fenerbahçe è tra le più titolate del Paese. La rosa è formata per la maggiore da giocatori turchi. Dal mercato estivo però, è arrivato dal Chelsea l’attaccante Demba Ba. Occhio anche a Pektemek e Olçay Sahan. Soprannominati ”le aquile nere” come il simbolo della loro bandiera. In Turchia ha chiuso il campionato al 3° posto ma vista la squalifica dalla competizioni europee del Fenerbache dopo il coinvolgimento del club nello scandalo del calcioscommesse, entra di diritto nei turni preliminari di Champions League. L’allenatore è il croato Slaven Bilic, che l’Italia ricorderà bene per l’incrocio con la Croazia nell’Europeo del 2012.  Lo stadio BJK Inonu è l’impianto utilizzato dalla squadra per le sue partite casalinghe. Può ospitare 32.145 persone ed è famoso per la pressione che può mettere sui calciatori delle squadre avversarie.

DIFFICOLTA’ : MEDIA

Il Royal Standard de Liège, società che gioca nella Pro League, la massima serie del campionato belga, è stato fondato nel 1898, e nella sua storia ha conquistato dieci titoli belgi, sei coppe e quattro supercoppe nazionali. A livello internazionale il punto più elevato è stato il raggiungimento della finale nella Coppa delle Coppe 1981-1982, dove la squadra è stata sconfitta dal Barcellona. E’ terza per numero di successi in Jupiler League. I giocatori sono conosciuti anche come “Les Rouges”  per il colore delle loro divise casalinghe. Le partite interne vengono giocate allo Stade Maurice Dufrasne, noto anche come Cauldron of Sclessin. Allenati dal rumeno Mircea Rednic, tra i calciatori principali,i belgi, annoverano il portiere della nazionale giapponese Kawashima, De Camargo e M’Poku obiettivo del Napoli. Le squadre già si sono incontrate nella Coppa Uefa con i belgi ad aver la meglio sul doppio confronto. Al San Paolo finì 1-1, in Belgio 2-1 per i padroni di casa. In campionato è già in vetta a punteggio pieno dopo solo 2 giornate grazie agli altrettanti successi ottenuti.

DIFFICOLTA’ : BASSA

Ecco la classifica UEFA con i coefficienti delle squadre:

1) ARSENAL 112.949

2) PORTO   105.459

3) ZENIT S. 73.899

4) BAYER LEV. 70.328

5) NAPOLI     61.387

6) ATLETHIC BILBAO   54.542

7) LILLE 45.300

8) COPENAGHEN 45.260

9) STANDARD LIEGI 38.260

10) BESIKTAS 32.840

Servizio a cura di Salvatore Garofalo

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.