Giovanni Citarella: «Ancora contestazioni e lascio la Nocerina»

C’è chi vuole destabilizzare la squadra ma non posso permetterlo: difendo  tecnico e giocatori. Abbiamo effettuato quattro acquisti per centrare l’obiettivo.» 

NOCERA INFERIORE. Fischi alla squadra: la parola al presidente. Che non ci sta ed allora avverte: «Sono stufo di questa situazione, se persiste mi dimetto». Non un congedo, ma potrebbe diventarlo presto. Una scadenza già c’è: a giugno. Parla Citarella. E lo fa con modo pacato, tuttavia senza mezze misure e minacciando dimissioni. Di fatto ammette che è come se le avesse già date. Formalmente non ci sono, ma si “sentono”.

Citarella, cosa succede?
«Francamente questa situazione non la reggo, non riesco proprio a spiegarmela. Quello che è accaduto mercoledì con il Sorrento è solo l’epilogo di una situazione creatasi negli ultimi mesi, grazie a chiacchiere nate sui social network che hanno tolto tranquillità alla squadra».
Si riferisce alla presunta spaccatura all’interno dello spogliatoio, ai dissidi tra Pastore ed Auteri?
«Proprio così, inizialmente avevo deciso che a parlare fossero loro. Ma le chiacchiere non si sono placate. Chiacchiere che hanno complicato il lavoro di Castaldo e De Liguori, che sono i più bersagliati. Fischiarli in un’amichevole: davvero assurdo».
Due giocatori importanti per la Nocerina.
«Non li cederò mai».
Cosa si sente di dire a chi fischia?
«Sento di dover prendere una posizione. Se questa situazione persiste, mi dimetto, di fatto è come se lo avessi già fatto».
È solo un primo passo?
«Se dovesse continuare avrei altre tre cose da fare: rinforzare la squadra, condurla alla salvezza e poi lasciare, passare la mano».
Tifosi poco riconoscenti?
«Solo una parte. Ma cosa credono che siamo in Champion’s? Ma cosa hanno visto in passato? Sotto la mia presidenza s’è vissuta invece la stagione più importante della storia».
Fischia una minoranza.
«Sono d’accordo con Auteri, sono quattro gatti, il resto è un pubblico maturo che riesce a capire gli sforzi della società».
Ha condiviso il gesto di Auteri, quando s’è rivolto a muso duro verso il pubblico?
«Al 101%, lo giustifico in tutto e per tutto».
Quanti sforzi farà ancora?
«Finora abbiamo già fatto quattro operazioni, ovvero Mingazzini, Giuliatto, Rea e Gherardi, entro il 6 gennaio ne faremo altre due, prenderemo un portiere ed un centrocampista. La Nocerina fortunatamente trae grande forza dalla struttura societaria. Se riusciamo a portare a termine determinate operazioni, è perché siamo tra le prime 4-5 squadre di B».
Un augurio di fine anno?
«Un augurio che va ai tifosi sani e maturi, che possano ricordare un 2011 unico ed abbracciare un 2012 che riporti serenità».

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google