Gökhan consegna la maglia di Barcellona

Una maglia che sostiene la lotta alle leucemie infantili

Il cuore della città di Napoli è davvero immenso! Gökhan Inler ha consegnato la maglia da lui indossata al Trofeo Gamper di Barcellona al piccolo Antonio Cammarota che, grazie all’aiuto del suo papà, se l’è aggiudicata attraverso l’asta on-line organizzata da Gökhan e dalla Fairplay Agency del suo manager, Dino Lamberti. Il ricavato, 908 euro, regolarmente versati attraverso eBay alla Fairplay contestualmente alla chiusura dell’asta, è stato poi interamente devoluto dalla stessa all’A.R.L.I., Associazione Regionale Leucemie Infantili (www.arli.it). Alla cerimonia di consegna, andata in scena al centro sportivo di Castelvolturno, oltre al piccolo Antonio è intervenuto Vincenzo Mercadante, presidente dell’A.R.L.I.: Gökhan ha prima consegnato la maglia al suo piccolo, grande vincitore dal cuore d’oro e poi ha ritirato il diploma di “Grande Sostenitore” dell’associazione dalle mani del presidente Mercadante. Gökhan, la Fairplay Agency e l’A.R.L.I. ringraziano di cuore la famiglia di Antonio Cammarota e tutte le persone che hanno partecipato all’asta con tanta generosità, e la Società Sportiva Calcio Napoli per la disponibilità dimostrata.

Fonte: Inler.ch

La Redazione

M.V.

Sartoria Italiana
Vesux
gestione sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.