Gualtieri: “Decreto Ristori da 5,4 miliardi: sospensione dell’IMU, dei contributi provvidenziali e 6 settimane di cassa integrazione”

Durante la conferenza stampa del Premier Conte, è intervenuto il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri riguardo le misure d’emergenza:

“È un decreto che mobilità circa 5,4 miliardi di indebitamento netto. È contrassegnato da rapidità ed efficacia, siamo consapevoli che le misure restrittive hanno costretto molti esercenti a cambiare piani e prospettive, abbiamo scelto modalità più semplici e rapide di ristoro, rafforzando rispetto al passato. Il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente senza fare domanda per chi lo aveva avuto in precedenza, per la metà di novembre cercheremo di avere tutti i bonifici operati dall’agenzia delle entrate. Gli importi medi sono significativi, più alti rispetto a quelli precedentemente effettuati. Un meccanismo semplice, rapido ed efficace, anche per chi non ha avuto un contributo a fondo perduto. In parallelo abbiamo rafforzato gli affitti per tre mensilità, estendendo oltre i 5 milioni di euro di fatturato. Sospensione dell’IMU, dei contributi previdenziali, poi sei nuove settimane di cassa integrazione. Alberghi, taxi e NCC sono inseriti nel contributo a fondo perduto”.

Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.