Guerin Sportivo – Fassone: “Il Napoli è un club patronale, ma senza il coraggio di De Laurentiis non sarei qui…”

Guerin Sportivo – Fassone: “Il Napoli è un club patronale, ma senza il coraggio di De Laurentiis non sarei qui…”

Marco Fassone, amministratore delegato del Milan, ha rilasciato un’intervista ai microfoni del Guerin Sportivo: “Nelle altre società dove ho lavorato avevo sempre una “rete di protezione” perché, bene o male, c’erano altre persone che avevano l’ultima parola in un processo decisionale al quale partecipavo, ma che non determinavo fino in fondo. Qui invece la proprietà demanda tutto al management e quindi il compito di decidere spetta a me. Sono di fronte a una specie di “O vinco o perdo” che però è stimolante. Sono convinto che faremo bene anche perché ho una squadra di collaboratori di comprovata esperienza e bravura.Le mie esperienze professionali sono state diverse tra di loro come responsabilità, ma sono state tutte formative e interessanti. La Juve è la società più strutturata e la più aziendale. Ci sono arrivato dall’industria alimentare e soprattutto per questo non è stato traumatico entrarci. Il Napoli è un club padronale perché ha un proprietario che decide e determina, ma è stato abile a calarsi nella realtà e a dotarsi di una struttura molto snella ed efficiente. L’Inter… è l’Inter, una società che ha sempre avuto bisogno di un uomo forte in panchina, da Roberto Mancini, a Mourinho. Ha un’anima naif, come una bella donna un po’ disorganizzata, come l’ha definita Moratti. Ora ha trovato un uomo forte come Spalletti e sta andando bene. Dopo avermi dato la gestione del marketing, mi ha affidato la responsabilità dei ricavi e poi del progetto della costruzione del nuovo stadio, un qualcosa che non era mai fatto da nessuno. De Laurentiis invece è stato il primo ad accordarmi la direzione generale di una società e quella è stata una parentesi formativa molto importante per me che non avevo mai avuto compiti nella parte sportiva.Senza il coraggio che ha avuto lui, adesso non sarei qui e senza dubbio le due stagioni al Napoli sono state fondamentali per arricchire il mio background. Moratti mi ha invece chiesto di andare all’Inter nel momento in cui aveva deciso di portare avanti il processo di cessione della maggioranza e quando è arrivato Thohir alla guida del club mi ha coinvolto nel rifinanziamento del debito. La mia vita professionale insomma è stata una somma di esperienze piuttosto variegate e probabilmente tutto questo è stato fondamentale per il mio arrivo al Milan”.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google