Guidolin sulla lotta scudetto: “Il Napoli migliora ogni anno, Sarri se la giocherà con Allegri e Spalletti…”

Guidolin sulla lotta scudetto: “Il Napoli migliora ogni anno, Sarri se la giocherà con Allegri e Spalletti…”

L’ultima esperienza da allenatore l’ha vissuta sulla panchina dello Swansea. Ora, invece, Francesco Guidolin fa il commentatore televisivo e, soprattutto, il… nonno. “E’ appena nato Gabriel, figlio del mio secondogenito. E’ un’esperienza incredibile che mi rende felice. L’arrivo di un bambino entusiasma la famiglia a e così stiamo vivendo giorni di allegria – ha raccontato Guidolin ai microfoni di Tuttosport -. ”Per quel che riguarda gli aspetti professionali lavoro per Fox Sports con entusiasmo, commentare il calcio internazionale mi rende aggiornato su tutto, seguo da vicino anche la Serie A”. Ma il posto di Guidolin, si sa, è sulla panchina. “Una nuova esperienza? Non sto aspettando qualcosa in generale. Sono orgoglioso di ciò che ho fatto in passato. Se poi capiterà qualcosa di interessante – ha continuato l’allenatore – e, soprattutto, stimolante allora mi farò trovare pronto”. Pronto a ritornare in Serie A, magari, dopo l’esperienza in Inghilterra con lo Swansea, che ha aperto a Guidolin le porte di una realtà tanto diversa da quella italiana: “Purtroppo, c’è tanta distanza tra i due campionati. Lì le partite si giocano tra avversari, non tra nemici. E’ una questione di mentalità. I tifosi vivono il match come un momento di divertimento, le strutture sono all’avanguardia, proprio al fine di promuovere l’intrattenimento del pubblico: gli stadi inglesi promuovono ricchezza. In Italia ciò non è possibile perché, sotto il profilo finanziario, non possiamo ancora competere con i top club britannici”. E in campo? “Non è vero che in Premier si gioca sempre bene, alcuni incontri sono addirittura quasi scadenti. Però, sotto il punto di vista del ritmo di gioco…”. L’Italia ha ancora tanto da migliorare. Già quest’anno, tuttavia, sono state introdotte delle importanti novità. Una su tutti, il Var. “Dobbiamo aspettare ancora un po’ prima di giudicarlo, soltanto un big match ci farà capire quanto possa essere incisivo o meno. Io, a pelle, sono favorevole: sono diminuite le proteste sui singoli episodi e, persino sugli spalti, i tifosi sembrano più tranquilli. Però bisogna accorciare i tempi di visione e di decisione: penso ai primi piani di allenatori, giocatori e anche arbitri che attendono il verdetto”. Tanti anni di esperienza in panchina, Guidolin ha allenato per anni e anni in quella Serie A che, oggi, commenta in televisione. E, per quest’anno, prevede qualche novità: dal ritorno dell’Inter ai vertici della classifica sino ad una divertente lotta-salvezza: “Sarebbe brutto se si ripetesse la storia dello scorso anno, quando a gennaio sembrava tutto già definito. Dietro, tutte le squadre sembrano attrezzate per puntare alla salvezza. Penso alla Spal che ha un buon progetto, un gioco consolidato, un’ottima squadra e ha centrato colpi importanti sul mercato. Primi posti? La Juve c’è sempre, il Napoli di Sarri migliora ogni anno ed è lì, e poi c’è l’Inter di Spalletti che può provare a giocarsela. Queste tre per me sono in corse per lo scudetto. I bianconeri hanno un organico molto competitivo e la solita solidità; Hamsik e compagni fanno del loro gioco a memoria una forza mentre i nerazzurri ora hanno un tecnico che può far lievitare il collettivo e ciascun singolo. Un po’ dietro ci sono, a pari merito, Roma e Lazio”. Manca, però, il Milan di Montella: “Bisogna assemblare un’intera squadra, non è facile. Certo, con un mercato come quello dell’ultima sessione tutto è possibile. Bonucci è stato un grande acquisto e dietro i rossoneri possono giocare a tre. Leonardo mi ricorda Pirlo per come sa avviare la manovra.” Pirlo, Bonucci… Nomi importanti per la Serie A e per la Nazionale. Qualche anno fa, Guidolin è stato vicinissimo agli azzurri: “Mi avevano avvertito che in ballo c’eravamo io e Conte, poi hanno scelto lui. Ho vissuto con orgoglio quei momenti e sono grato alla Figc per avermi preso in considerazione. Ora, è il turno di Ventura: ottimo allenatore, conosce il mestiere, lavora tanto e bene, è un insegnante. Ha bisogno di tempo per far vedere sul campo le su idee. Il ko in Spagna? Il c.t. è stato tanto criticato ma per me ha fatto bene a provare a sorprendere gli spagnoli con un sistema di gioco un po’ sbarazzino. La Spagna ora ci è superiore: sapevamo già dal momento del sorteggio che eravamo destinati agli spareggi. Tuttavia, con i tanti giocatori interessanti che abbiamo, sono convinto che andremo ai Mondiali”. Tanti giocatori interessanti, ma anche tanti giovani talenti. Che, tuttavia, sembrano un passo indietro rispetto a quelli stranieri: “All’estero i giovani vengono inseriti prima tra i titolari e quindi crescono più velocemente. Campionati per Under 21 o 23, o anche dedicati alle seconde squadre, sono più competitivi rispetto al nostro Primavera”.

Fonte: gianlucadimarzio


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google