Hamsik e Maggio, piano di rilancio

L’esterno della Nazionale ha le idee chiare sul futuro «Voglio rimanere a lungo»

Ma quale terzo posto? Non basta il terzo posto e il ritorno nella zona Champions, sia pure dopo una partenza che più ad handicap non si può a riscaldare il cuore della gente di Napoli. Una parte della città e della tifoseria più sognatrice d’Italia è impegnata in un conteggio quasi inconcepibile, e proprio per questo gettonatissimo: il Napoli di Hamsik e Mazzarri deve puntare alla Juve di Conte e al Milan di Allegri e quindi allo scudetto? Argomento che contagia Maggio e Hamsik. E lo slogan per il 2011 che accomuna i due è facile: operazione riscatto.
I 10 punti di distacco sono recuperabili? «È stato un bel 2011, ora dobbiamo continuare così, possiamo toglierci ancora soddisfazioni – spiega il laterale della Nazionale di Prandelli – Siamo consapevoli della nostra forza e del fatto che nel girone d’andata abbiamo gettato al vento qualche punticino. Ma possiamo risalire». La parola scudetto è tabù. E non potrebbe essere diversamente.
L’ex doriano giudica l’annata. «Di me sono contento solo in parte, mi do un 6,5 come voto. La squadra merita un 8,5. È stata fantastica. Ora ci aspetta la sfida al Chelsea, non sto nella pelle. Poi ci sono gli Europei, mi auguro di meritare la convocazione del ct».
Il Napoli punta in alto, vuole essere protagonista ancora in Italia e in Europa: «Noi in casa possiamo fare sempre bene e possiamo mettere in difficoltà chiunque. Il Chelsea? Sarà decisiva la gara a Londra: loro, di certo, non stanno brillando», è l’augurio di Maggio. Che sul suo futuro mostra di avere idee chiare: «Voglio restare qui a lungo, la città qui ha conquistato».
Anche il concetto di Marek Hamisk è semplice: «Delusi per il sesto posto attuale? Abbiamo dovuto gestire due competizioni, purtroppo in campionato abbiamo perso un po’ di terreno ma manca ancora tanto alla fine del torneo e credo che possiamo recuperare», è l’auspicio dello slovacco affidato alle pagine online del suo blog. Il centrocampista è rimasto a Castelvolturno per motivi personali (la moglie è incinta e partorirà nei prossimi giorni). Con lui anche Zuniga, da poco diventato papà. Anche Hamsik apertamente parla della grande chance di raggiungere i quarti di finale di Champions, obiettivo comunque assai più raggiungibile di una rincorsa scudetto al momento complicata: «Le gare con il Manchester City e il Villarreal sono state le più emozionanti della stagione – dice – ma ora con il Chelsea viene il bello: sarà una sfida difficile e insidiosa».
Marek disperatamente cerca di volare basso e vorrebbe che dopo la vittoria schiacciante con il Genoa, la squadra non si faccia contagiare da un’insidiosa euforia proprio in occasione di tre gare non proprio impossibili contro il Palermo, il Bologna e il Cesena. «Deluso? Sì, ma solo per la mia nazionale. Non faccio gol con la maglia della Slovacchia da due anni e non siamo riusciti a qualificarci per Euro2012. Per fortuna c’è il Napoli». Il ritorno in campo, per gli allenamenti, sia per Maggio che per Hamsik è previsto per domani.

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google