Higuain: niente Argentina (squalificato), lui sgobba a Castevolturno

Pronti, via: e, per cominciare, la media è già rispettata, con la zampata del bomber che arriva puntuale e introduce nel futuro. Si scrive Higuain e si rilegge, inevitabilmente, ciò ch’è stato prima: un amore folle, umanamente comprensibile, forse persino indimenticabile, suggellato da centoquattro gol e da baci lanciati all’universo; ma nulla è per sempre e ora che Cavani è un ricordo da tenersi dentro, ciò che resta è quel pipita d’oro che viaggia a velocità (altrettanto) supersonica e che si sta prendendo Napoli. Castelvolturno, è qui la testa: in quel microuniverso da scoprire (tatticamente), in quell’isola felice che ha già un nuovo principe dell’area di rigore, in due settimane da full immersion, prive di distrazioni, con il cervello che immagazzina dati e li tiene per se.

TEST – Le Nazionali chiamano e (il) Napoli si svuota: c’è un viavai ormai sistematico che lascia a malapena una squadra per provare gli schemi e tra quei tredici che stavolta viaggiano da un capo all’altro del mondo, è rimasto fuori Higuain. 10 settembre, c’è Paraguay-Argentina, ma senza el Pipita – e pure senza Fernandez – lasciati a casa per squalifica, dunque “costretti” a pensare ad altro, evitando decolli ed atterraggi, fusi orari e un po’ di straordinari. Castelvolturno è un rifugio per studiare il calcio di Benitez, per proiettarsi completamente nel 4-2-3-1, per ripassare le lezioni e poi ripartire nella scia di chi c’è stato e ha lasciato una traccia a suon di gol. E’ la Napoli di Higuain, che propone lezioni di schemi senza aver lo stress della partita che “preme”.
CONFRONTO

 L’immancabile paragone durerà, eccome: centoquattro reti in tre anni per Cavani un festival d’emozioni. Ma Higuain ha le risposte pronte, sintetizzate nei centosette “autografi” in Liga e nella Real Casa, in quella produzione industriale che l’ha fatto galleggiare al fianco di Ronaldo e di Benzema, riconoscendogli la statura internazionale poi concessagli dall’Argentina. Vedi il Napoli e poi riparti: l’Higuain in salsa partenopea ha impresso subito il proprio marchio di fabbrica, dopo appena una serata improduttiva (con il Bologna) e a Verona, per dimostrare di avere persino un cuore – caratteristiche difficile da riscontrare, calcisticamente, negli attaccanti – un assist per Callejon e una partecipazione attiva alla manovra, giocando a tutto campo, dedicandosi alla fase passiva, andando a fare il pressing sul portatore di palla o le sponde con chi capitava.

 

LA CITTA’ 

– Napoli da vivere, senza risparmiarsi: la gita in barca ormai appartiene alla cronaca, però – avendone la possibilità – una pizza sul lungomare e una foto ricordo con i quattrocento cinquanta partecipanti al Summer Cump, i tifosi del futuro che per un’estate intera si sono allenati a Castelvolturno, dove adesso «sgobba» Higuain e che quasi non credono ai proprio occhi, nel ritrovarsi el pipita a portata di autografo.

Fonte: Corriere dello Sport
La Redazione
M.P.
Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.