I Temi del Mercato – La rivoluzione di Benitez. Roma, che caos!

Allegri resta al Milan, Mazzarri cerca di plasmare la "sua" Inter

Non è ancora tempo di ufficialità, ma i primi movimenti, sotto traccia, stanno già infiammando il mercato in entrata e in uscita. Napoli e Juve le più attive al momento, ma occhio all’Inter che vuole far partire la rifondazione di Mazzarri e al Milan del confermato Allegri, mentre sempre più un’incognita la Roma.

MISTER NUOVO VITA NUOVA – La rivoluzione di Benitez può avere inizio. Addio mercato bloccato dalla visione mazzarriana del calcio, addio impossibilità di prendere giocatori dall’estero e paura di vedere bruciati i giovani scovati dallo scouting. Con Rafa Benitez cambia tutto, e il Napoli si sta attrezzando in tal senso. Prima però bisogna fare chiarezza sul futuro di Cavani. L’offerta del Chelsea c’è e se si arriva ai fatidici 63 milioni il Matador saluta Napoli. De Laurentiis non si farà però trovare impreparato. Dzeko e Gomez sono le prime due alternative in caso di addio dell’uruguaiano. Servirebbe poi un altro attaccante. Ecco che quindi si fa il nome di Zaza che tanto ha fatto bene ad Ascoli. Poi sotto con i trequartisti. Insigne, Hamsik, Pandev e… forse arrivano Cerci e Biabiany, mentre in difesa prende quota il nome di Astori, ma non è da escludere la pista Ivanovic, che assieme a Ramires, potrebbe rientrare come eventuale contropartita nel discorso Cavani, qualora il Napoli decida di accettare un offerta del Chelsea che non preveda l’intero pagamento della clausola.

JUVE: TANTE IDEE, POCHI SOLDI – Conte sogna Tevez, si accontenterebbe di Higuain, senza dimenticarsi di Jovetic e Ogbonna. I contatti ci sono, e sono pure ben avviati, specialmente con Higuain, ma il problema è sempre lo stesso: i soldi. Mamma Exor, la holding degli Agnelli, ha momentaneamente chiuso i rubinetti, dopo tre anni di spese al limite del folle. Marotta dovrà quindi fare di necessità virtù. Nonostante le entrate Champions il bilancio non è proprio florido, risentendo dei suddetti anni di grandi spese, quindi se si vuole comprare bisogna prima vendere. Higuain potrebbe ancora rientrare in un discorso di cash, ma per Jovetic è necessario che i Della Valle ammorbidiscano le loro richieste. I 30 milioni sono un prezzo fuori portata per la Juve, anche vendendo Marchisio e ricavando un bel gruzzoletto (da utilizzare comunque per altre spese, vedasi Ogbonna). Essenziale quindi che la Fiorentina accetti delle contropartite, magari quei Matri e Quagliarella ormai stabilmente fuori dai piani di Conte, chiusi da un investimento oneroso (da non bruciare con una nuova minusvalenza) come Giovinco, da Vucinic, Llorente e il prossimo acquisti, Tevez o Higuain.

ROMA, C’E’ POCO DA STARE ALLEGRI – Il gioco di parole era d’obbligo. Massimiliano Allegri si lascia convincere da Galliani e resta al Milan, rifiutando la Roma. E proprio alla Roma questa cosa ha messo in moto una serie di avvenimenti non di poco conto. Baldini si dimette, dopo aver tentato, inutilmente, di portare Blanc a Roma. Adesso è tutto nelle mani di Sabatini che spinge per l’ex Lille Rudy Garcia, ma in società c’è una fronda pro Mancini che non molla. Nel frattempo il mercato è bloccato. Solo due certezze: Totti rimane e Osvaldo va via. Nel mezzo c’è la posizione di De Rossi sempre più in bilico dopo una stagione da dimenticare, e quella dei vari Marquinho, Lamela, Pijanic. Tutti giocatori che attendono di sapere il nome del nuovo tecnico prima di farsi un’idea precisa sul loro futuro.

LE ALTRE DI A – Mazzarri, dopo che il Napoli gli ha chiuso le porte in faccia per Zuniga, chiede a Moratti Basta dell’Udinese. Si vocifera anche uno scambio con la Juve Marrone – Ranocchia, mentre Guarin potrebbe andare al Tottenham. La Fiorentina, in attesa di capire come si svilupperà il futuro di Jovetic, pensa a Lodi e Ilicic, ideali qualora partisse Pizarro, mentre Larrondo, non riscattato, tornerà al Siena. Il Milan invece prepara 18 milioni per arrivare a Belfodil e Diamanti, mentre per il centrocampo si pensa a Kucka. Capitolo panchine: il mosaico si compone anche di Liverani che diventa allenatore del Genoa, mentre al Chievo sempre più vicino l’approdo di Sannino.

Servizio a cura di Giancarlo Di Stadio

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.