I tifosi azzurri hanno invaso Torino

Nonostante la sconfitta i tifosi partenopei hanno incitato la squadra

La fine di una partita non è mai la fine di una storia d’amore, comunque essa finisca. Anzi, è quel filo che unisce e salda sempre di più, in una storia bellissima, il Napoli ai suoi tifosi. Una storia che è come un serpentone che attraversa l’Italia in lungo e in largo e che ha attraversato anche l’Europa, in quel magico sogno che è stata la Champions. Questo è successo ancora – sono venuti a urlare la loro fede da Caivano, Carpi, Bologna, Genova – è successo anche ieri nonostante tutto, nonostante si fosse capito quasi subito che si trattasse di una partita stregata per gli attaccanti, i tre tenori che, venuti a Torino a cantare la canzone più bella per violare lo stadio juventino, ancora imbattuto, sono rimasti senza note. Non è andata come doveva andare. Non era la serata dei tenori azzurri e i tifosi si sono arresi anche loro alla superiorità della Juventus, dovendo anche subire lo sberleffo del il canto di ‘O surdato ‘nnammurato dalla curva bianconera.
Juve-Napoli è stata anche la sfida del ricordo. Quello che i giocatori di entrambi gli schieramenti hanno cucito sulle magliette del riscaldamento per la scomparsa di Franco Mancini, portiere di Zemanlandia morto a 43 anni per un infarto venerdì scorso: «Ciao Franco». Ed è anche la serata delle lacrime per la scomparsa del napoletano Antonio Ghirelli, storico Direttore del Corriere dello Sport, dal 1966 al 1977. Il Napoli porta il lutto al braccio in onore del grande giornalista e scrittore napoletano.
Quando lo speaker annuncia le squadre, l’impianto si colora di quasi quarantamila sciarpe bianconere. Ma i napoletani armati di palloncini hanno contrastato con il loro colpo d’occhio. Lo Juventus Stadium è una bolgia e Napoli all’inizio resta annichilito e sarà così fino a fine partita per il pesantissimo 3-0 subito dai bianconeri.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.

STufano
Sartoria Italiana
Vesux
gestione sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.