Iavarone: “Napoli cinico: centrocampo da riassettare e Britos da migliorare”

Il direttore dei servizi sportivi del Mattino, Toni Iavarone, è intervenuto ai microfoni di Radio Crc. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di IamNaples.it: “La novità degli arbitri di porta sta dando risultati opposti a quanto sperato: spesso accade che siano in più a decidere. L’arbitro ufficiale non è più aiutato ma quasi condizionato. L’auspicio è tornare alla situazione precedente avvalendosi della tecnologia. Manto erboso? È responsabilità del Napoli e non del comune; al virus si è aggiunto il gran caldo che ha impedito la crescita dell’erba. L’unica cosa da fare è rizollare il campo; la semina richiede molto più tempo. Per tornare al calcio giocato mi preme sottolineare la cinismo del Napoli che su 7 tiri ha realizzato 5 gol. Non potendo contare sempre sulla mira giusta è da migliorare l’assetto  a centrocampo per garantire fluidità di gioco. Finalmente abbiamo una rosa adeguata agli impegni con una panchina lunga; sarà la forza del Napoli unita alla spinta del mister. Nessuno si lamenta se siede in panchina o subentra a partita in corso. Chi correggerei nella retroguardia? Britos. Meriterebbe qualche ripassatina.”

 

La redazione

F.G

Sartoria Italiana
Vesux
gestione sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.