Il Ds Foschi: “Tra Cavani e la città il rapporto si è incrinato! Ecco perchè lascia”

«Cavani? Va via. Ho con lui lunghi colloqui, per me è come mio figlio». Rino Foschi, il ds che ha portato il Matador in Italia senza perdere mai, negli anni, il rapporto con il giocatore, è certo. «Un anno fa tutti mi chiedevano cosa avrebbe fatto Edi, io dicevo che sarebbe rimasto al Napoli. Ora, invece, che sia Psg o Premier League, andrà via».
Questioni di soldi?
«No, e non chiamatelo mercenario. Ho sentito dei manifesti contro Cavani, mi hanno fatto male. Edinson non è un mercenario, è una persona a cui piace il suo lavoro, sa gestirsi, è un professionista serio. È un ragazzo squisito».
Dunque, perché va via?
«Con Napoli e il Napoli si è rotto qualcosa. E i club che lo vogliono sono importanti: in altre piazze d’Europa può puntare a vincere anche il pallone d’oro».
I suoi procuratori vogliono trattare con De Laurentiis per abbassare la clausola rescissoria. Sono dei sognatori?
«Triulzi e Anellucci sono delle persone serissime. Loro hanno portato Cavani in Italia, non vogliono perderlo fino ad accettare, un anno fa, una clausola particolare. Se Edi avesse avuto altri procuratori non sarebbe arrivato da noi. Triulzi e Anellucci hanno sempre rispettato le regole. Oggi rappresentano un top player. E sono stati vicino ad Edinson in un periodo difficile della sua vita privata».
Resta il nodo della clausola rescissoria…
«Prima dell’incarico con il Genoa ero in Brasile a vedere giocatori. Ed ho seguito un po’ Neymar. Il Barcellona lo ha pagato 57 milioni. Se devo fare un confronto dico che Cavani è molto, molto più forte di Neymar. In campo sono completamente diversi, ma potendo scegliere io sceglierei sempre Cavani».
Dunque fa bene il Napoli a volere i 63 milioni?
«De Laurentiis è bravo, abile, furbo. Mi intriga, è molto intelligente, ha inserito la clausola rescissoria in tempi non sospetti. Ha capito molto velocemente come funziona il sistema calcio».

Fonte: Il Mattino

La Redazione

L.C.

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.