Il Mattino – Boutique, ristoranti e caffetterie: i luoghi dove Higuain era solito intrattenersi rimpiangono la sua cessione

Da Terrazza Calabritto a Cicciotto a Marechiaro, passando per il parco Matarazzo dove viveva: c'è rabbia per la cessione

Il quotidiano “Il Mattino” nella sua versione odierna raccoglie i tanti commenti e le reazioni del popolo azzurro in merito al trasferimento di Gonzalo Higuain alla Juventus. Anche nella Napoli che lui stesso viveva, tra i ristoranti di Marechiaro fino alle boutique di piazza de Martiri dove era solito prendersi un caffè oltre che spendere in capi d’abbigliamento firmati, prevale rabbia per tale operazione di calciomercato. Stesse reazioni anche nel parco Matarazzo a due passi dal Vomero dove l’argentino abitava (residenza tra l’altro di Diego Occhiuzzi e che ha visto ospitare nel tempo i vari Albiol o Cavani). Il pizzaiolo dietro alla sua abitazione quasi non ci crede, lui che ogni giorno lo vedeva sfrecciare con la sua porsche Macan nera da 60 mila euro. Si ricorderà di Higuain anche la rinomata boutique sita in via Morelli dove era solito farsi portare dalla caffetteria vicino un fragolino dolce e stuzzichini per addolcire l’attesa. E poi c’èè la famosa Terrazza Calabritto dove era solito, spesso anche con la sua Lara, prendere un tavolo: “Era sempre il giovedì da noi. Spesso ci intrattenevamo fino a tardi. Sapevamo che poteva andar via. Ce lo aveva confidato. Appena però ho saputo che andava alla Juventus gli ho mandato un sms: non me lo dovevi fare” dice Enzo Politelli, gestore del locale.  Altro posto dove era solito frequentare era da Cicciotto a Marechiaro: “Sempre in compagnia di amici e nelle ultime volte della fidanzata. Non si parlava di calcio, da me Higuain era semplicemente Gonzalo. Non me l’aspettavo il suo passaggio alla Juventus, è stato un duro colpo ” esterna il proprietario Gianluca Capuano. Infine non mancavano le occasioni in cui degustava il gradito sushi da Jap-One oppure le cene al Borgo Antico.

 

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.