Il Mattino – Napoli ok a Maiorca. Frenata Villareal “Rossi resta con noi”

Palma di Maiorca. Evviva il Napoli di scorta. Mazzarri aggiusta i suoi numeri dopo i due risultati negativi e conquista il primo successo internazionale della stagione dopo il pari con il Penarol e il ko con il Siviglia. E lo fa con una formazione B, tenendo a riposo per gran parte della gara, quasi tutti i titolari. Ricavando dall’amichevole con il Maiorca (in palio il trofeo Ciudat de Palma) suggerimenti utili. E poco importa se Fernando Roig, il plenipotenziario del Villareal, aveva rovinato un po’ la giornata affermando che Pepito Rossi “non si muove da qui”. E che probabilmente sarà Nilmar ad essere ceduto, anche la Roma in pole position. Anche se in Spagna pensano che sia possibile che la trattativa con il Napoli possa decollare davvero da gennaio in poi. Che poi è una delle opzioni di De Laurentiis per l’ingaggio di Rossi.

Intanto, dalla Spagna torna un Napoli vincente. Che non recita affatto il ruolo della comparsa alla festa di presentazione del Real Maiorca dinanzi al suo pubblico (neppure tanto per la verità). A Palma non hanno il mito delle corride, contrariamente al resto della Spagna, quindi agli azzurri non spetta la parte del toro, da incornare tra gli olè. Anche perchè allo stadio il Napoli trova un po’ di tifosi: qualcuno ha lasciato moglie fidanzate sulle spiagge delle vicine Magaluz e Palmanova per la gara. È una festa, c’è da capirli quelli con la maglia rossa del Maiorca: e allora il Napoli fa di tutto per non rovinarla. È un Napoli di riserva quello di Mazzarri; di quelli che dovranno essere i titolari ci sono solo Dzemaili e Dossena, tutti gli altri sono in panchina (a parte Lavezzi e Cavani, rimasti a Castelvolturno). Ma è un Napoli bello, per alcuni tratti bello per davvero. Il turnover non condiziona la prestazione, almeno per gran parte del primo tempo: i mazzarriani di scorta mostrano sempre un’idea di gioco che non fa rimpiangere i titolari. Dopo appena 60 secondi Campagnaro scuote la traversa di testa: a fare la comparsa il Napoli non ci sta. E quelli del Maiorca lo capiscono nei 14′ successivi: una specie di costante l’assalto azzurro, frutto di un’armonia collettiva superiore. E le occasioni fioccano: al 2′ e al 6′ con due percussioni di un Santana padrone del centrocampo e ancora (al 9′) con un altro colpo di testa del difensore argentino che Ramis salva dopo che la palla ha scavalcato il portiere. Il Napoli gioca di forza, e affonda con facilità. E allora il gol è logica conseguenza: al 14′ la combinazione vincente è sulla fascia di sinistra, con Dzemaili che verticalizza per Santana che va al cross e trova la testa di Zuniga. Facile, facile.

Anche dopo essere passato in vantaggio il Napoli B gioca con personalità anche se in campo si cerca la forma più che la vittoria. E intanto i mazzarriani di riserva se la spassano al cospetto di un Maiorca, allenato dal danese Michael Laudrup, che si ritrova solo nel finale del primo tempo, quando è scossa da un palo di Marti (43′) dopo che Rosari dimostra di essere un degnissimo vice De Sanctis opponendosi trenta secondi prima ad un bolide dello stesso Marti da pochi metri. Il Napoli spende il suo cuore con fiammate continue: ovvio, non è al top. In qualcuno si vede di meno (è il caso di Santana, Aronica, Campagnaro e Dossena) e in altri di più: la pesantezza con cui si è mosso Lucarelli, per esempio, è stata la spina di una sua condizione atletica ancora approssimativa (il gol dilapidato in contropiede al 37′ ne è la sintesi). Ma anceh Mascara, Dzemaili e Donadel sono apparsi un po’ in ombra. Non a caso sono i primi a uscire nel mini-rimpasto di inizio ripresa con gli ingressi di Inler e Hamsik che ridisegnano in qualità il centrocampo.

Rosati è ancora super al 19′ e al 29′ della ripresa (su Nsue). Le forze cominciano a mancare, anceh se il Maiorca ha l’obbligo di dover riacciuffare la gara: qualche spunto (come un altro di Nsue al 32′), con qualche logica apprensione. Ma niente di più. E il Napoli ritrova il sorriso.

Fonte: Il Mattino

La Redazione

M.V.

 

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.