Il Napoli afferma: Mazzarri non ha usato espressioni blasfeme

La città schiuma rabbia. Secondo torto arbitrale consecutivo. Dopo il rigore accordato l’altro lunedì a San Siro che spianò la vittoria del Milan, quello non concesso con il Brescia per atterramento di Mascara.

La città schiuma rabbia. Secondo torto arbitrale consecutivo. Dopo il rigore accordato l’altro lunedì a San Siro che spianò la vittoria del Milan, quello non concesso con il Brescia per atterramento di Mascara. Stavolta la decisione è costata due punti, con conseguente frenata in classifica. «Non ci vogliono lassù, questa la verità», «Stanno facendo di tutto per fermarci», «Perchè la società non si fa sentire? L’accanimento è evidente». I tifosi del Napoli sono inferociti. Ancora di più nell’ascoltare le dichiarazioni del presidente del Brescia, Corioni: «A Napoli non c’era nemmeno l’ombra di un rigore. L’arbitro è stato bravo, leggermente casalingo, ma è normale…». Casalingo Mazzoleni? La gente è rimasta senza parole. E poi altre reazioni in serata dopo aver appreso della squalifica inflitta a Mazzarri (un turno) e dell’inibizione al vicepresidente Edoardo De Laurentiis fino al 15 marzo per ingiurie all’arbitro. «Vogliono innervosirci, estrometterci dalla corsa allo scudetto ed anche dalla zona Champions». Un coro di proteste.

 SILENZIO PONDERATO – In società, ieri, hanno preferito non alimentare nuove polemiche rinunciando all’invito rivolto dai responsabili di «Radio anch’io lo sport», nonché evitando di commentare le dichiarazioni di Corioni e neanche le decisioni del giudice sportivo su Mazzarri e sul figlio di De Laurentiis che sedeva a bordo campo sulla panchina aggiuntiva. Una sola precisazione, in via del tutto informale: Mazzarri non ha bestemmiato mentre protestava con il quarto uomo, c’è stato un equivoco, il tecnico toscano non ha usato espressioni blasfeme, come viene riportato nella motivazione (a Parma, in panchina andrà Niccolò Frustalupi, vice di Mazzarri dai tempi della Pistoiese, figlio dell’indimenticato Mario). «Anche queste squalifiche dimostrano che esiste un accanimento», riferivano i tifosi tempestando di telefonate le redazioni ed inondando di e-mail, radio e tv nazionali e private. Insomma una città in subbuglio perché convinta che certe decisioni non sono scaturite a caso.  

DE LAURENTIIS – Oggi il presidente tornerà a Napoli per presentare il nuovo film «Amici miei, come tutto ebbe inizio» . Chissà se De Laurentiis ha voglia di tornare sull’argomento-arbitri. Di sicuro, il dg Fassone, si farà sentire nelle sedi opportune, con garbo, senza esibire dossier ma chiedendo soltanto un confronto con i vertici della classe arbitrale, un dialogo sull’evidenza dei fatti dal momento che sembra esserci una chiusura totale come si evince dagli appunti mossi da Nicchi all’allenatore. Intanto un dossier sui torti subiti dal Napoli sarà consegnato a De Laurentiis da tifosi vip. Sono i politici che compongono il club Napoli in senato, il cui presidente Antonio Gentile sostiene: «Tra dare ed avere, al Napoli mancano sei punti per non citare lo stravolgimento giurisprudenziale della prova tv sul caso Lavezzi».  

VERSO PARMA – Intanto si profila una sfida di campionato quella di Parma, già ricca di precedenti poco confortanti, tesa e delicata. Ci vorrà un direttore di gara temprato e di forte personalità, i tifosi partenopei chiedono solo che venga riconosciuto con serenità quanto avviene sul rettangolo di gioco. Senza pregiudizio alcuno.

La Redazione
C.T.

Fonte: Corriere dello Sport

Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.