Il “Pibe de oro” scatena il caos. Un tifoso ha insultato la madre

Maradona grida al tifoso: "Codardo"

Diego Armando Lancillotto. Potrebbe essere raccontata così, l’ultima scena immortalata dalle tivvù degli Emirati che, giovedì, ha visto protagonista Maradona al Maktoum bin Rashid Stadium di Dubai, la casa dell’Al Shabab: dopo la sconfitta per 2-0 rimediata dal suo Al Wasl con i padroni di casa, Diego scatta verso la tribuna e comincia a battibeccare con un tifoso dello Shabab. Per difendere l’onore della sua donna, Veronica Ojeda.

«CHE CODARDO!» -Secondo quando riportato da Gulfnews, a innescare la bomba sarebbero state le offese recapitate dall’entourage del Pibe all’attaccante brasiliano dello Shabab, Ciel, autore del 2-0. Parole che hanno scatenato la reazione dei tifosi di casa, tutti concentrati a inveire contro la Ojeda. Maradona se ne accorge, si catapulta in tribuna per difenderla e scoppia il caos. Spiegherà: «Se uno manca di rispetto alla mia donna, lo vado a cercare. Non m’importa se sono allo stadio, in chiesa o in una moschea. Quello è un codardo, non ha gli attributi di affrontare un uomo». La polizia ha poi scortato Diego e i suoi: nel parapiglia la moglie dell’argentino Mercier, giocatore dell’Al Wasl, è anche caduta senza conseguenze.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.