“Il piccolo record del Napoli, tutte le amichevoli vinte”

Mimmo Carratelli traccia un piccolo consuntivo nella settimana che precede la gara di Supercoppa

Non ce n’è per nessuno. Il Napoli batte lo Sporting Braga (3-1) e infila la quinta vittoria in cinque amichevoli precampionato senza contare la goleada ai dilettanti del Trentino. Battuti in campo internazionale il Bayern Monaco (3-2), il Bayer Leverkusen (2-1), il Bordeaux (2-0) e ora i portoghesi del Braga. Battuto il Grosseto durante il ritiro a Dimaro (3-0). Tredici gol all’attivo, quattro al passivo. Pandev supercannoniere con sei reti.

Contro i portoghesi al San Paolo terza partita in sette giorni. Una preparazione serrata in vista della Supercoppa. A tratti spettacolare il primo tempo degli azzurri con due gol di Pandev, a segno in tutte le amichevoli. Napoli affaticato nella ripresa e Braga più aggressivo e in raddoppio di marcatura sugli azzurri. Ma proprio nel momento di maggiore stanchezza, il Napoli infilava il terzo gol con Zuniga che poi colpiva anche un palo.

E’ il Napoli della prossima stagione (3-5-1-1), pronto per la Supercoppa contro la Juve a Pechino fra sette giorni. Ovviamente con Cavani al posto di Vargas. La difesa a tre (Campagnaro, Cannavaro, Britos) è ben protetta sulle fasce da Maggio e Zuniga che partono dalle retrovie nelle fasi d’attacco. Inler al centro della mediana, attento davanti alla difesa, regista arretrato. Behrami di sostegno alla fase difensiva, Hamsik più libero di inserirsi in attacco. Pandev in stato di grazia, regista avanzato e goleador. Contro il Braga si è battuto con ardore Vargas che ha regalato a Pandev un altro assist-gol, ma è mancato ancora sotto rete.

Il centrocampo dei piedi buoni (Behrami, Inler, Hamsik) si sacrifica molto in copertura rendendo compatta la squadra. Hamsik, al pari di Pandev, è in uno straordinario momento di grazia. C’è stata forse una bocciatura ieri sera: Gargano, in ritardo sul richiamo ad entrare in campo, è rimasto fuori partita ed è entrato Dzemaili. Il piccolo lottatore uruguayano sembra proprio destinato ad essere ceduto. Forse stessa sorte toccherà a Vargas (in prestito), combattivo, ma col gol “appannato”.

E’ un bel Napoli nel primo tempo. Le ripartenze sono improvvise con tocchi al volo. Calibrati i lunghi lanci di Cannavaro per Maggio. La condizione fisica è già soddisfacente. Hamsik è ovunque. Pandev è un riferimento fisso in fase offensiva. Il Braga (terzo nel campionato portoghese, impegnato nei preliminari di Champions) è avversario non facile anche se rinuncia a parecchi titolari. I primi venti minuti del Napoli sono a tutta birra. Sarà la preparazione anticipata per non fallire l’appuntamento della Supercoppa, ma è proprio un bel Napoli. Sicuro e col gusto del gioco.

Spettacolare l’azione del primo gol. Hamsik mette in azione Vargas sulla sinistra in area, il cileno attira il portiere e serve a Pandev, centro-area, che insacca a porta vuota (4’). Il raddoppio viene da una percussione di Cannavaro che salta tre avversari, la palla arriva a Pandev che resiste a un difensore, dribbla il portiere e mette in rete (15’).

Quando attacca, il Napoli dà spettacolo. Sono molte le azioni con aperture improvvise, scambi al volo, inserimenti. La squadra aiuta Vargas a inserirsi meglio. E’ un Napoli molto compatto che gioca a memoria. Il gol dei portoghesi arriva su uno scivolone di Cannavaro che favorisce il lancio di Custodio per Lima: il tiro del portoghese, deviato in corsa da Campagnaro, beffa De Sanctis (37’). In precedenza il portiere azzurro era stato bravissimo a intercettare il tiro ravvicinato di Mossorò (26’ Cannavaro liberava definitivamente a porta vuota). In finale di tempo, Cannavaro di testa sfiorava il gol sul corner di Hamsik (43’).

Nella ripresa, gli azzurri accusano visibilmente la stanchezza e i portoghesi ci danno dentro. Pressing asfissiante sui portatori di palla napoletani, maggiore iniziativa e più tiri a bersaglio. Sfugge a Vargas l’opportunità del primo gol in azzurro: sul lancio di Hamsik si allunga la palla e il portiere Quim con una mano sventava (46’). Era ancora prodigioso il portiere portoghese su una grandiosa girata al volo di Hamsik (59’). Lavoro anche per De Sanctis che annullava una palla-gol a Viana (57’). Opponendosi generosamente alle iniziative portoghesi, il Napoli filava nuovamente in gol assicurandosi il risultato. Magnifico scambio a sinistra tra Zuniga e Hamsik che il colombiano, penetrato in area ed evitando un avversario, concludeva irresistibilmente in rete (62’). Sei minuti dopo, Zuniga andava al tiro dalla distanza, un gran diagonale da sinistra, e il pallone picchiava sul palo.

Nella girandola delle sostituzioni, il Napoli reggeva nel finale ribattendo gli attacchi portoghesi. Prima apparizione di Donadel (73’ per Inler). Difesa ritoccata (73’) con Fernandez per Cannavaro e Gamberini per Campagnaro. Dzemaili era già entrato per Pandev (63’). Dal 71’ Dossena per Behrami. Largo anche ai ragazzi: Novothny per Hamsik (77’), Fornito per Zuniga (84’) e Bariti per Vargas (84’).

Fonte: Il Napolista.it

La Redazione

M.V.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.