Insigne va a corrente alternata, ha bisogno di giocare con i big dell’attacco

Insigne va a corrente alternata, ha bisogno di giocare con i big dell’attacco

Che fine hanno fatto le “promesse”? Insigne va a corrente alternata, Vargas sempre più ai margini di un calcio che non lo capisce e che lui stesso non capisce. Ma se per il cileno comincia ad aleggiare il sospetto che non sia ancora pronto per giocare nel Napoli, per l’ex pescarese, invece, c’è il dubbio che forse la strada scelta per favorirne la maturazione non è quella giusta. Mazzarri avrebbe voluto tenerlo un altro anno in provincia. De Laurentiis ha ritenuto opportuno portarlo alla base. Il ragazzo ha ventuno anni e margini enormi di miglioramento. Le qualità le aveva dimostrate nelle prime partite di campionato quando è stato chiamato a sostituire lo squalificato Pandev. Le ultime tracce interessanti della sua presenza le ha lasciate in occasione della sfida con l’Aik. Quindi, lo sprazzo finale di Torino. Mazzarri (lo ha fatto chiaramente intendere) non ha gradito le critiche di chi gli ha rinfacciato un inserimento tardivo del ragazzino contro la Juventus. E a sconfitta incassata, a Dnipropetrovsk ci ha tenuto a sottolineare che una «una cosa è la serie A altra cosa la B o il campionato cileno». Verità lapalissiana. Ma forse anche in questo caso c’è una terza via, praticabile e utile. Con il Napoli-Due Insigne sembra dimenticare quel che di buono sa fare; con il Napoli-Uno riesce a esaltarsi. Forse la sua graduale maturazione va ricercata facendolo giocare con i migliori (seppur per spezzoni di gara) che lo migliorano piuttosto che in un contesto di squadra in cui finisce per annegare nelle responsabilità.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google