Inter, Icardi ci crede: “La Champions è il nostro obiettivo”

Il capitano nerazzurro si confessa alla Gazzetta dello Sport

Attraverso le colonne della Gazzetta dello Sport, il capitano dell’Inter Mauro Icardi ha rilasciato un’interessante intervista. Ecco le sue parole, riportate da calciomercato.com:

«Bisogna sempre lasciarsi alle spalle i risultati negativi e guardare avanti. Specialmente quando si è stati all’altezza dell’avversario».

La rete che la avvicina a Dzeko e Higuain in classifica marcatori è arrivata in una domenica che la allontana dalla Champions. E’ strano, non crede?
«Sì, ma non siamo fuori dai giochi e non lo saremo fino a quando i numeri ci diranno che possiamo qualificarci. Credo fortemente nel 3° posto, ci crediamo tutti, l’obiettivo è sempre quello. Abbiamo il dovere di provarci fino in fondo, io sono molto fiducioso».

Questa sfida a distanza col Pipita tra i top scorer ha una valenza anche in chiave Seleccion?
«Sulla nazionale mi tocca ripetere sempre le stesse cose. Cosa devo fare di più? Il mio compito è giocare bene con l’Inter e segnare ogni volta che ne ho l’occasione, poi la convocazione dipende solo dal c.t. e dalle sue scelte».

Torniamo in Italia, allora. Ha affrontato in rapida successione la Juve e la Roma. Quale delle due l’ha impressionata maggiormente?
«Sono entrambe forti, con stili diversi. Però, alla fine, parlano i trofei. E se la Juve è la squadra che vince il campionato da 5 anni, se è sempre il primo avversario da battere, significa che è quella che gioca meglio, il resto sono chiacchiere».

Cosa vi manca per poterle strappare uno scudetto? La svolta sembra sempre a un passo e poi non arriva mai…
«Dobbiamo acquisire una mentalità vincente. Non possiamo mostrarla solo in alcune partite, è la continuità ad alto livello la dote che fa la differenza. E che non abbiamo ancora. Dobbiamo abituarci a vincere, deve diventare una cosa naturale, non eccezionale».

Per acquisire questa consapevolezza ci vuole un allenatore di provata esperienza internazionale? Prima si parlava insistentemente di Simeone, ora si fa il nome di Conte.
«Non dobbiamo deconcentrarci o riempirci la testa di situazioni non reali, anche se sono aspetti che fanno parte del calcio. Il nostro allenatore è Pioli e dobbiamo fare il massimo per aiutarlo, come lui ha fatto col nostro gruppo. Ha tirato fuori il meglio di noi, ha cambiato tutto e abbiamo già fatto un salto di qualità notevole, da quando è arrivato a oggi».

Il cambio di sistema di gioco voluto da Pioli, quindi, la convince?
«Credo sia il più adatto a noi, perché abbiamo molti campioni con la propensione a sacrificarsi per i compagni. I risultati confermano che è la strada giusta, noi ci troviamo bene».

Il sacrificio vale anche per lei? Segna un gol ogni 38 tocchi del pallone, con la Roma ne sono bastati 32, ma non sempre pare coinvolto nella costruzione del gioco.
«Quelle sono le mie caratteristiche. Ci sono tanti modi di aiutare una squadra e il mio è fare gol. Non mi sembra poco. Sento sempre dire che sono fuori dagli schemi, che dovrei partecipare di più alle manovre d’attacco della squadra, ma mi sono un po’ stancato di questi discorsi. Se andate a controllare i miei assist, io in questa stagione ne ho contati già 8 (per la Gazzetta sono 4, ndr). Il mio contributo lo do anche con passaggi vincenti».

Un percorso che la porterà a segnare tanto quanto Batistuta? Quando è arrivato in Italia, alla Samp, nella sua prima intervista indicava in Batigol il suo idolo.
«Gli anni passano, ma sì, il modello di riferimento resta lui. Certe passioni non cambiano mai. Con quel fiuto del gol non potrebbe essere altrimenti, a chi altro potrei ispirarmi?».

Anche Bati è passato da Milano, come tanti suoi connazionali. Uno è diventato il simbolo nerazzurro: Javier Zanetti. Si vede capitano dell’Inter a vita, come è accaduto a lui?
«È un grande onore essere accostato a un pezzo di storia come Javier. Perché è argentino, certo, ma anche perché ha mostrato il suo attaccamento all’Inter restandoci fino a fine carriera. Ha unito i fatti alle parole, arrivando in cima all’Europa. Io ho un contratto fino al 2021, quando starà per finire vedremo, ridiscuteremo. Accade sempre così. Ma io voglio restare qui».

STufano
Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.