Juan Jesus: “Lotteremo per lo scudetto e per l’Europa League. Futuro? Sto facendo il mio dovere”

Juan Jesus, difensore del Napoli, ha rilasciato un’intervista a Radio Kiss Kiss Napoli:  “Il mio gol contro la Salernitana e l’abbraccio dei miei compagni? Sin dal primo giorno ho trovato dei ragazzi stupendi, bravi, sia come persone che come calciatori quindi è stato più facile l’inserimento nella squadra, sembrava di esser qui già da tanti anni. Spalletti? Il nostro gruppo ha dimostrato che pure in difficoltà abbiamo ottenuto buoni risultati e abbiamo dimostrato le nostre qualità, il mister si fida tantissimo di questo gruppo. E’ un lavoro di squadra, abbiamo i centrocampisti che ci danno sicurezza, ci sono i terzini che ci coprono, l’attaccante che pressa bene, il difensore che butta via la palla, è un lavoro di squadra, è un lavoro difensivo di tutta la squadra che ci aiuta ad avere performance così. Non sono da tanto qui, ma non ero abituato a fare gol, troviamo delle sicurezze in cui possiamo fare male anche in attacco. Mi hanno annullato vari gol, finalmente sono riuscito a segnare contro la Salernitana, questa volta è andata bene! Chi c’è ha dimostrato di fare bene, dobbiamo avere rispetto per la maglia, la società, i compagni che sono fuori, anche quelli che sono rimasti sono importanti come quelli andati via, l’abbiamo dimostrato con i fatti. Dobbiamo giocarle tutte, partiamo dalla gara col Venezia, dobbiamo vincere e stare al secondo posto, pensiamo gara dopo gara, sarà un bel mese in cui giochiamo belle partite, sfidiamo Barcellona, Inter, Lazio, tutte sfide che un giocatore deve fare sempre. Il Napoli ci proverà fino alla fine? Ovvio, abbiamo una maglia importante, siamo consapevoli delle nostre caratteristiche e puntiamo al primo posto, puntiamo a vincere, giochiamo a Napoli e dobbiamo sempre puntare a vincere, purtroppo siamo usciti dalla Coppa Italia, lotteremo fino all’ultima partita contro lo Spezia fuori casa per provare a vincere lo scudetto. Se nascerà a Napoli mia figlia? No, perchè nascerà a luglio e quindi mia moglie parte prima, nascerà in Brasile, non sappiamo cosa accadrà a luglio, ma sarà mezza napoletana perchè è stata concepita a Napoli! Se mi piacerebbe prolungare nel Napoli? Sono venuto qua non per dimostrare chi sono, sono 10 anni che sono in Italia, ho sempre lavorato, non ho mai fatto polemiche, gli allenatori fanno le loto scelte e le ho sempre rispettate, sapevo che potevo aiutare molto di più la Roma come sto facendo qua a Napoli, sto facendo il mio dovere, ho un anno di contratto, se l’anno prossimo sarà da rimanere lo deciderà il mister, il direttore, anche io, ma per ora sono contento di quello che sto facendo, c’è ancora tanto da fare, non dipende solo da me. Gara col Barcellona? Oggi il Barcellona non attraversa un buon momento, ma è sempre il Barcellona, va rispettato, si sta pure rinforzando sul mercato. Siamo pronti alla sfida, lotteremo per vincere sia il trofeo dell’Europa League che della Serie A, c’è il Barcellona e l’affronteremo. Koulibaly e Anguissa rientrano e saranno come due rinforzi? Rientri importantissimi, Kouly è il comandante, Anguissa non mi aspettavo che fosse così forte, non lo conoscevo, ha dimostrato di essere fortissimo e ci sta aiutando tanto, sono due che rientrano a casa e ci aiuteranno ad avere bei risultati. Tuanzebe? Si sta ambientando molto bene, ha giocato con la Fiorentina, è molto fisico, tecnico, giovane, anche se non sembra, è una roccia. Si sta ambientando benissimo ed è un bel giocatore. Come sto vivendo la città di Napoli in questi cinque mesi? A Milano anche come carattere delle persone puoi girare più tranquillo, a Roma i tifosi sono molto calorosi ma qua a Napoli è come se noi fossimo della famiglia loro, tu giochi per la loro squadra e quindi noti differenza, sono più calorosi, più amichevoli, si nota, sono stato un mese in albergo, il personale mi incitava, per strada tutti ti conoscono perchè giochi nella squadra del loro cuore. Cucina napoletana? La pizza e la mozzarella di bufala sono buonissime, la città è molto bella, ho la vista mare, prima vivevo a Milano e in inverno c’è la nebbia, a Roma si vive benissimo ma a Napoli ti svegli, c’è il mare davanti. In Brasile sono nato in un posto dove non c’è il mare, almeno ora mi godo la vista del mare a Napoli. Non dovevamo prendere gol con la Salernitana, ma siamo stati intelligenti a ripartire subito, Elmas è stato bravissimo, ha dribblato 5-6 avversari, ha trovato il rigore e siamo andati al secondo tempo più tranquilli. Poi abbiamo segnato altri gol nel secondo tempo ed è andata bene, abbiamo dimostrato di essere intelligenti, non abbiamo subito, non ci siamo scoraggiati e abbiamo dimostrato di avere qualità. Un abbraccio a tutti e buona giornata a tutti i tifosi del Napoli”.

 

STufano
Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.