Juventus, Allegri in conferenza: “Vogliamo vincere la Coppa Italia, domani Dybala tornerà dal primo minuto”

Juventus, Allegri in conferenza: “Vogliamo vincere la Coppa Italia, domani Dybala tornerà dal primo minuto”

In vista della sfida di Coppa Italia contro il Genoa ha parlato, in casa Juve, il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri. Ecco le sue parole in conferenza stampa, riportate da Tuttojuve.com:

Abbiamo visto che De Sciglio non ci sarà. Mandzukic può recuperare per la Roma?
“Sono due recuperi difficili, sia per De Sciglio che per Mandzukic, perchè Mandzukic ha preso tredici punti e De Sciglio ha avuto un problema sul flessore e lo valuteremo nei prossimi giorni, ma difficilmente potrà essere disponibile con la Roma”.

Dybala domani giocherà dall’inizio?
“Domani giocheranno Dybala, Rugani e Bernardeschi”.

Marchisio è un altro giocatore che potrebbe essere della partita?
“Marchisio è un altro giocatore che potrà essere della partita. Domani è una partita, un obiettivo importante, perchè è un obiettivo che vale come il campionato, come la Champions League, è una competizione a cui la Juventus partecipa, negli ultimi tre anni i ragazzi l’hanno vinta tre volte, quindi bisogna cercare di arrivare il più avanti possibile, creare i presupposti per arrivare in finale. Tanto passa dal Genoa, quindi è una partita che è molto importante perchè? Uno perchè dobbiamo passare il turno e due perchè l’eventuale passaggio del turno ci dà una spinta importante per affrontare sabato la Roma. Sono quattro giorni importanti tra domani e sabato con la Roma”.

Di Francesco ha detto che lei è un allenatore europeo all’avanguardia. Come si fa a tenere lontano la Roma col pensiero e concentrarsi solo sulla coppa?
“Per quanto riguarda Di Francesco non ha assolutamente bisogno dei miei complimenti perchè ha fatto molto bene a Sassuolo e sta facendo molto bene a Roma. Roma è una piazza complicata, difficile, lui la conosce perchè ci ha giocato. E’ una squadra ben strutturata con giocatori importanti e soprattutto lui è stato molto bravo ad aver dato un equilibrio che permette alla Roma di non concedere grandi occasioni da gol. Come ho detto la settimana scorsa in conferenza, il portiere della Roma fa poche parate, ha fatto poche parate in queste partite di campionato, e ha vinto già, se non sbaglio, 5-6 volte per 1-0, quindi sarà una partita bella, ma ci penseremo da giovedì. E per pensarci meglio bisogna avere iol passaggio del turno in tasca”.

Domani potrà esserci spazio per Pjaca a gara in corso? Crede che nella sua evoluzione possa diventare un attaccante puro, più centrale?
“Secondo me Pjaca alla fine potrà fare bene il centravanti, o magari giocando in coppia con un altro attaccante, perchè è un giocatore che ha velocità, tecnica, di movimento, attacca bene la profondità. Per quanto riguarda domani, il nostro obiettivo è quello di passare il turno, poi che giochi Pjaca, che giochi un altro, conta relativamente. L’importante è che domani la Juventus faccia una bella partita, chi va in campo, chi va in panchina, perchè non è assolutamente semplice, perchè è una partita che va vinta sul campo”.

Non ti scocciare se parlo di numeretti. Ma nel 4-3-3 che stai proponendo ultimamente, che è il modulo un po’ più stabile in queste ultime partite, Dybala dove lo metti? Tu avevi costruito un modulo in cui lui si trovava benissimo, che era il 4-2-3-1 dove lui aveva grande libertà di giocare dietro le punte. Questo tipo di lavoro lo può avere anche nel 4-3-3 o deve cambiare qualcosa?
“Ma questo sistema di gioco nelle ultime partite l’ho tirato fuori e abbiamo cambiato sistema di gioco, è molto semplice. Se gioca Paulo, devo sfruttarlo per le caratteristiche che ha. Il ruolo che può fare con questo sistema di gioco è il centravanti”.

Dybala che non gioca con l’Inter e a Bologna, e gioca domani, significa che è cambiato qualcosa in questi due giorni? Mi è sembrato di capire che a Bologna fosse un po’ in ritardo di condizione. In due giorni le cose sono cambiate? O è la Coppa Italia che può servirgli da rilancio?
“Innanzitutto la Coppa Italia è una competizione importante, non è che in due giorni ha ritrovato la condizione. Ha lavorato bene, domenica quando è entrato ha fatto bene, ma domani ha una partita da giocare come tutti gli altri, una partita da vincere e magari è una partita che a lui serve anche per sbloccarsi, per ritornare al gol, che non deve essere il problema il gol, lo ripeto, e lo ridico: Dybala è un gioocatore da 15-20 a campionato, quando ne fa 20 ne fa tanti. E’ andato oltre la media nelle sue caratteristiche, Dybala è un giocatore che deve fare assist e deve fare gol, non è solamente un goleador, altrimenti si snatura. Ecco quello che non deve fare Paulo. Paulo tra l’altro è un giocatore intelligente, quindi capisce che domani è una partita importante per lui e per la Juventus”.

Nei 7 precedenti allo Stadium, la Juve ha vinto 7 volte contro la Roma. Che effetto le fa questo dato?
“In questo momento non mi fa nessun effetto, ma parlare della Roma adesso non serve a niente, domani abbiamo una partita molto pericolosa perchè va affrontata nel migliore dei modi. Fortunatamente da quello che mi dicono abbiamo lo stadio quasi pieno e quindi è una spinta in più per noi, uno stimolo maggiore e ripeto: un eventuale eliminazione domani, ci farebbe affrontare la Rioma con uno stato d’animo diverso, perchè usciremo da una competizione per cui la Juventus deve giocare per vincere. Questo è molto semplice. E quindi domani bisogna passare il turno attraverso una prestazione”.

Chiellini è convocato, domani può giocare? Lichtsteiner può giocare? Come sta Buffon? E Cuadrado?
“Cuadrado lo stiamo valutando giorno dopo giorno, spero di averlo a disposizione per la Roma. Buffon per questa settimana sicuramente non si allenerà e difficilmente, è quasi impossibile che sia a disposizione per la Roma. Chiellini è a disposizione, ha fatto un buon allenamento, è anche bello fresco, quindi può darsi che domani giochi titolare. Devo decidere se far giocare lui o Barzagli. Lichtsteiner rientra, è a disposizione, credo che domani giocherà”.

Domani gioca Pinsoglio?
“No, gioca Szczesny”.

Teme più il freddo o i rischi che ci sono in queste partite, avendo visto ultimamente il Verona che fa male in Coppa Italia e poi vince in campionato. O magari l’Inter che soffre con il Pordenone. Cosa ha detto alla squadra per caricarla?
“Alla squadra dirò semplicemente… l’ho già detto, lo ripeterò domani, che la Coppa Italia è un nostro obiettivo, quindi bisogna andare in campo per vincere. Queste partite sono ancora più di responsabilità della partita di sabato, perchè con la Roma sabato tutti abbiamo gli stimoli giusti, tutti siamo pronti per giocare una grande partita, domani invece una partita che se la prendi alla leggera rischi di cadere. E questo non deve succedere perchè la Juventus deve giocare per vincere e domani bisogna passare il turno. E non ci sono assolutamente scuse e alibi di nessun genere”.

Qual è l’augurio che le ha fatto più piacere ricevere ieri alla cena con lo staff e il presidente in una bella giornata anche per lui?
“Ieri sera abbiamo passato una bella serata tutti insieme. Il presidente ha fatto gli auguri, ha fatto un discorso importante, quindi noi siamo rimasti tutti contenti, come sempre ci sprona a fare meglio, ad alzare continuamente l’asticella e quindi noi siamo qui apposta per farlo, stiamo migliorando, io sono contento di quello che stanno facendo i ragazzi, ma sono anche convinto che questa squadra abbia dei margini di miglioramento importanti e piano stiamo prendendo la strada giusta”.

I suoi colleghi che frequentano le stesse zone di classifica hanno detto di aver bisogno di qualcosa dal mercato. Lei come lo vive il mercato? Come un’opportunità? Ha bisogno di qualcosa?
“No, io non ho bisogno di niente, perchè siamo già anche troppi, faccio un casino a fare le formazioni, a mandarli in panchina, poi al mercato – a parte gli scherzi – c’è la società che è presente, vigile, credo che la Juventus abbia dimostrato ampiamente in questi ultimi anni che abbia fatto un mercato importante, perchè non scordiamoci che dal primo anno che sono arrivato io, sono cambiato praticamente 7-8 undicesimi dei titolari, quindi sono arrivati giocatori nuovi, importanti, giovani, che poi danno un futuro anche alla Juventus“.

Tra gli infortuni e il ritorno di Dybala possibile centravanti nel 4-3-3, questo vuol significare Higuain in panchina?
“No, anche su questo devo decidere. Se gioca Higuain in coppia con Dybala o se gioca Dybala centravanti”.

Domani, a parte Dybala, ti aspetti qualche indicazione particolare da quelli che farai giocare? C’è qualcuno sotto esame?
“Sotto esame non c’è nessuno perchè li vedo tutti i giorni in campo, si sono allenati bene, quindi domani è un test importante per loro ma anche per noi. E’ un obiettivo, ci sarà poi la possibilità di avere dei cambi in panchina, e poi ci sono giocatori che, a parte due-tre – hanno più o meno giocato: perchè Lichtsteiner ha giocato tante partite, Rugani ha giocato tante partite, Barzagli e Chiellini hanno giocato sempre, Asamoah ha giocato, Bentancur ha fatto le sue partite, Marchisio ha fatto le sue partite, davanti poi se giocano Douglas Costa, Dybala e Bernardeschi, sono giocatori che hanno sempre giocato. Quindi non è quello il problema, è affrontare la partita nel modo giusto”

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google