Juventus, Allegri: “Dobbiamo avvicinare il più possibile il Napoli”

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato ai microfoni di Sky Sport:

“I reduci dal Mondiale sono in buone condizioni, hanno bisogno di ritrovare la condizione ma soprattutto di calarsi nuovamente nelle partite. Ora dal 27 dicembre torneranno i brasiliani, mentre per gli argentini e per Rabiot servirà qualche giorno in più. La squadra si è allenata bene, hanno giocato molti giovani di qualità. Oggi meglio nel secondo tempo, ma arrivavamo da due giorni di lavoro importanti”.

I problemi del primo tempo?
“Questi sono test in cui ci può essere un calo di attenzione, abbiamo sbagliato tanti passaggi, tanti controlli. C’è stata un po’ di superficialità, poi il secondo tempo come attenzione è stato migliore”.

Gli appoggi ripetuti verso il portiere?
“Il portiere va usato quando ce n’è bisogno, non sempre. Nell’arco della partita serve essere bravi a capire quando giocare in avanti e quando giocare indietro. Serve togliersi questo vizio, quando c’è un attimo di difficoltà ci si rifugia spesso verso il portiere, che è una buona soluzione ma se è pressato non diventa più uno sviluppo di gioco ma una palla buttata”.

Chi può recuperare per il 30 dicembre con lo Standard Liegi?
“Credo Chiesa, vediamo De Sciglio, Bonucci no, Vlahovic difficilmente. Poi rientreranno Alex Sandro e Danilo e molti avranno una condizione migliore”.

Il 3-5-2 è compatibile con le qualità di Di Maria?
“Il problema non esiste. Dal 4 gennaio al 5 giugno avremo da un minimo di 26 ad un massimo di 36 partite. Togliendo la sosta di marzo, è una partita ogni 4 giorni. Ci sarà bisogno di tutti, anche perché oramai le gare si giocano in 15. Di Maria ha fatto una finale straordinaria ed è un giocatore straordinario, dovrà essere un valore aggiunto nella seconda parte di stagione”.

Più complicato riportare sulla terra Di Maria e Paredes o rimotivare Rabiot?
“Per Rabiot non ci saranno problemi. Ma neanche per Di Maria e Paredes. Angel e Leo sanno che dovranno essere importanti nella seconda parte dopo una prima parte con qualche problemino fisico. Di Maria l’ho sentito, è bello carico così come Paredes. La squadra deve essere consapevole di avere davanti 5 mesi importanti, l’obiettivo minimo è restare fra i primi 4, ma anche cercare di avvicinare il più possibile il Napoli che sta viaggiando forte. Poi ci sarà l’Europa League, la Coppa Italia… Sarebbe bello arrivare in fondo e giocare 36 partite”.

Sartoria Italiana
Vesux
Gestione Sinistri
Il gabbiano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.