La storia di Damiao (parte 1): a 17 anni giocava per 10 euro a partita, tre partite al giorno!

Aveva 17 anni Leandro Damiao quando giocava per 10 euro a partita e se poteva, per mettersi in tasca qualcosa in più, ne disputava fino a tre in una domenica, anche con squadre diverse. Piccoli club amatoriali della zona ovest di San Paolo, dai nomi improbabili come Tupycity oppure Nostradamus. Poi l’incontro con un piccolo impresario, Joao Bosco, che vedendolo gli propose di andare a giocare a Indaial, nello stato di Santa Caterina, 35 euro al mese, ma c’erano compresi anche il vitto e l’alloggio. Uno dei momenti più difficili per l’attaccante: «Mi allenavo, guardavo la tivù e dormivo – ha raccontato – d ormivo molto perché non avevo niente da fare. E la “saudade” per la mia famiglia era grande. Tante volte sono stato tentato di prendere l’autobus e tornare a casa». Ma lì è arrivata la svolta nella carriera perchè poi cominciò a impressionare gli osservatori della zona e fu preso dall’Atletico de Ibirama.

Fonte: Corriere dello Sport.

La Redazione.

D.G.

 

 

 

 

 

 

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.