Lavezzi: “Siamo sempre più forti”

Sarà una sensazione, ma da questa partita, da questa straordinaria vit­toria, il Napoli ha tratto l’ultima certezza che gli forse gli mancava: può vincere ovunque e contro chiunque ( Barcellona escluso, come ben sappiamo).

TABU’ – Da 17 anni il Napoli non batteva l’Inter a San Siro, da oltre mezzo secolo ( 1954- 1955, 4- 1 per il Napoli) non vinceva con tre gol di scarto e in questa nuova im­presa c’è il piede di Ezequiel Lavezzi.
Ieri ha giocato da prima punta, con Pan­dev ed Hamsik alle spalle, si è battuto co­me un mediano con la classe di un fenomeno.
La sua è stata una partita completa, piena di tutto: di gioco, di corsa, di idee, di spunti, di assist. E alla fine, per il Pocho, sono arrivati l’applauso e il coro dei 7.000 tifosi napoletani. « Sono tre punti importantissimi per continuare il percorso che abbiamo inizia­to e per questi tifosi che non vedevano una vittoria del Napoli su questo campo da tantissimo tempo » , dice Lavezzi, stremato alla fine, ma con un sorriso grande così.

ROCCHI – Un sorriso che sbiadisce davanti alle domande su Rocchi.
Ma Lavezzi svicola. « Se penso che l’ar­bitro abbia sporcato questa vittoria? Se­condo me no, ma siete voi giornalisti che dovete giudicare, a noi non interessa » .

Quello che interessa al Pocho è la vitto­ria, sono i tre punti, con il primo posto in classifica anche se magari è solo per una notte. Un successo che in questo stadio mancava da 17 anni.

« E’ una cosa importante, ma il nostro obiettivo è un altro. Questa è una vittoria, servivano i tre punti. Adesso siamo tran­quilli e ci dobbiamo godere questo » .

Solo Mazzarri resiste nel suo catenaccio, dopo il 3- 0 di San Siro diventa complicato evitare la parola ” scudetto”. Lavezzi ci prova così: « Pronunciare quella parola? Non lo so. Ogni partita dobbiamo dimo­strare qualcosa di importante. Siamo con­sapevoli che stiamo crescendo tanto, set­timana dopo settimana, ma adesso dob­biamo continuare così » .

IL TALLONE – La vittoria, i gol, il piacere di aver giocato una partita così gli ha fatto dimenticare il dolore al tallone.

« Sto bene, sto bene » , assi­cura il Pocho. Non andrà in nazionale, l’esclusione del ct Sabella non gli ha fatto certo piacere ma adesso potrà re­cuperare e tirare il fiato. So­no i giorni preferiti da Maz­zarri, potrà allenarlo come vuole. E’ il sogno del tecnico li­vornese, avere la squadra intera ( o quasi) a disposizione per una settimana intera. Ma se questo Napoli continua a crescere così come sta crescendo, sarà sempre più difficile: non c’è un giocatore, di quelli vi­sti in campo ieri sera, che non meriti la convocazione nella nazionale del suo Pae­se.

DIFFERENZE – Viene da pensare, Lavezzi a parte, a Paolo Cannavaro e Campagnaro, che forse pagano lo schieramento della di­fesa del Napoli, difesa a 3, a differenza di quella della Nazionale di Prandelli che di­fende a 4. Saranno dispiaciuti i giocatori, di sicuro non lo è Mazzarri.

La Redazione

A.S.

Fonte: Corriere dello Sport

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google