L’ex azzurro Amoruso: “Brutto k.o. con lo Shakthar, ma sconfitte del genere aiutano a crescere”

L’ex azzurro Amoruso: “Brutto k.o. con lo Shakthar, ma sconfitte del genere aiutano a crescere”

L’ex attaccante del Napoli Nicola Amoruso ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso di 4-4-2 su Mediaset Premium, soffermandosi sul k.o. del Napoli contro lo Shakthar: “Mi aspettavo un Napoli diverso anche se contro il Bologna aveva avuto delle difficoltà. Però in Serie A era riuscito a vincere, in Champions no. Non mi aspettavo la sconfitta ma ci sta una prestazione meno brillante, il Napoli è una delle squadre più continue e che gioca il miglior calcio: questi match servono per crescere e per capire che, soprattutto in Europa, le squadre sono tutte attrezzate e pericolose. Il Napoli punta tutto sul campionato? Credo di sì anche se sono convinto che possa andare lontano anche in Champions League. Non voglio fare un processo agli azzurri per la sconfitta in Ucraina, è normale sbagliare qualche gara nell’arco di una stagione. La Juve, il Napoli e l’Inter saranno assolutamente le protagoniste del campionato. Solo un caso che il Napoli ha preso gol dopo l’uscita di Hamsik? Credo di sì. Anche l’anno scorso Hamsik ha sofferto all’inizio, per poi diventare un giocatore imprendibile. Quando sta bene riesce a fare le due fasi molto bene ed è normale che abbia più bisogno di minuti nelle gambe per essere al top. Sarri lo conosce, sa gestirlo e lo vedremo presto al massimo. Mertens in panchina? Per Sarri non credo sia un problema gestire la rosa, il Napoli giocherà tante partite e poi c’è Milik che è un signor giocatore, che ha voglia di tornare protagonista: questo tipo di abbondanza piace agli allenatori. La sconfitta della Juventus contro il Barcellona? Il primo tempo è stato positivo, ma nel Barcellona gioca un fenomeno che è in forma strepitosa e quando sta così bene non si riesce a fermare. C’è poco da fare, Messi e Ronaldo cambiano gli equilibri delle partite, quindi non bisogna fare drammi. Certo, bisogna farsi delle domande perché ci sono giocatori importanti che nelle gare che contano spariscono, come ad esempio Higuain. Forse la Serie A non è allenante e deve aumentare di qualità, sta di fatto che anche in nazionale sta facendo fatica a trovare spazio”


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google