rischio

Mandorlini: “Jorginho? Un figlio per me. Il Napoli deve riprendersi in un match difficilissimo”

"Juve e Napoli sono due squadre che hanno le stesse possibilità"

Andrea Mandorlini, ex tecnico del Verona con un passato calcistico all’Inter, è stato intervistato dal “Il Roma” ed ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni.

Inter e Napoli, due squadre che in questo momento forse hanno tutto da perdere. Che partita si aspetta? «Il Napoli non se la sta passando male, è ancora in testa alla classifica. Gli azzurri devono riprendersi dopo la sconfitta sulla Roma e continuare a mettere pressione sulla Juventus, mantenendo la testa della classifica. Sarà chiaramente un match difficile, perché andare a vincere a San Siro non è facile per nessuno, lo è sempre stato per tutti. L’Inter non è in un grandissimo momento, ma resta una partita di cartello, in cui possono spuntare situazioni particolari. Nessuno vuole perdere, la squadra di Spalletti vuole dimostrare di essere uscita dal momento di difficoltà».

E’ anche la sfida tra due dei migliori allenatori del nostro calcio. Da loro collega, quali sono le differenze tra Spalletti e Sarri? «Il Napoli in questo momento ha una gran filosofia di gioco, si vede sicuramente l’impronta di Sarri, più che quella di Spalletti sull’Inter. Questo perché l’allenatore di Figline è da più tempo sulla panchina azzurra, magari tra qualche anno si potrà dire la stessa cosa dell’Inter».

Torna anche Icardi, uno per cui De Laurentiis era disposto a fare follie due estati fa. Lo vedrebbe bene nel Napoli? «Icardi si troverebbe bene in qualsiasi squadra, è un attaccante formidabile. Io, che ho dei trascorsi all’Inter, sarei contento di continuare a vederlo a Milano. Sarebbe per l’Inter il punto di partenza per costruire una squadra importante. Al momento è l’attaccante con più qualità del panorama italiano, considerando quelli ancora abbastanza giovani come lui».

Lei ha allenato anche Jorginho all’Hellas Verona, dov’è esploso prima dell’approdo al Napoli. Si aspettava una crescita simile? «Sono contentissimo per lui, è come se fosse un mio figlio. Siamo cresciuti insieme. Non sono stato contento di perderlo quel gennaio, a stagione in corso, perché stavamo lottando per l’Europa League. Forse per lui saremmo riusciti a raggiungere quel traguardo».

Sull’italo-brasiliano adesso c’è l’interesse della Premier League. Pensa possa essere una sua aspirazione? «Adesso gioca con grandi campioni, in una grande squadra, con un fantastico allenatore. Sono contento per lui, tutte queste componenti lo fanno stare bene e lo rendono capace di dimostrare ancora le qualità che aveva già fatto vedere a Verona».

Dopo sabato scorso, quando il Napoli ha perso e la Juventus ha vinto, sono cambiate le percentuali per lo scudetto. «Sono entrambe allo stesso livello al momento, anche se il Napoli ha perso. E’ come pensavo prima, siamo sul 50 percento a testa. Sono due squadre che hanno le stesse possibilità».

Anche perché la Juventus avrà la Champions League da disputare. «Sì, sicuramente condizionerà la corsa. La Juventus avrà bisogno di energie, ma c’è da dire che ha una rosa importante. Fino a martedì avrei potuto vederla favorita, ma dopo il superamento del turno si è ristabilita la parità».


Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.