Maradona: “A Napoli il 5 aprile non ci sarò. Lavoro a Dubai”

Il "Pibe de Oro" non vuole tanto clamore per la sua vicenda

Troppo clamore. Troppe cose che non c’entrano nulla con la sobrietà che pretende un giudizio. Anche un giudizio tributario.
Feste e festini, musica e canzoni, iniziative e comitati, senza dire, poi, di quel balletto di date sull’arrivo di Maradona a Napoli: oggi, domani, il 5 aprile, prima del 5 aprile. Ma a chi giova tutto questo? Di sicuro non a Maradona, il quale s’è scocciato d’essere tirato da questo o quello per la camiseta. E così, la notte scorsa, nel silenzio della sua bella residenza di Dubai, Diego s’è accomodato davanti al suo computer e ha buttato giù, di getto, una sua nota. Una messaggio affidato ad una mail. O, meglio ancora, una dichiarazione fatta di sentimenti e, soprattutto, voglia di far chiarezza.

«No puedo soportar que sigan utilizando a la gente de Napoli?». «No posso sopportare – scrive Maradona – che continuino a sfruttare la gente di Napoli che desidererebbe che il 5 aprile fossi lì per l’udienza davanti ai giudici tributari. Ma in questo – continua Diego – sono stato molto chiaro con il mio avvocato: quel giorno non sarò a Napoli perché impegnato a Dubai con il mio lavoro. Ho, infatti, un contratto da rispettare con il mio club, l’Al Wasl, e voglio farlo con tutte le mie forze e le mie capacità, come ho sempre fatto in questo Paese che mi ha ridato tutto ciò che altri mi avevano rubato. Ora – dice tornando al suo contenzioso con l’Erario – dobbiamo fare soltanto una cosa: pregare per ottenere un giudizio favorevole». E poi: «Lo ripeto: il 5 aprile non sarò a Napoli, ma ai napoletani voglio dire che li porto sempre nel cuore. Un saluto, infine, anche a quanti lavorano nel settore delle Finanze e del Fisco. Ecco, è questo che mi fa piacere sappiano gli italiani».
Come dire: per favore, niente più clamori intorno a questa vicenda che per Maradona potrebbe significare anche una bella fetta di futuro.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.


Tufano
Vesux
Pizzalo Pozzuoli

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.