Marino: “Hamsik giocatore globale, sono felice di averlo regalato al Napoli”

Marino: “Hamsik giocatore globale, sono felice di averlo regalato al Napoli”

Nel corso della trasmissione Si Gonfia la Rete in onda su Radio CRC è intervenuto Pierpaolo Marino dg dell’Atalanta ed ha rilasciato alcune dichiarazioni. Ecco quanto evidenziato da IamNaples.it:

“Atalanta-Napoli? Una gara all’insegna dell’attesa ed emozione per me anche se non è più la prima volta. Il Napoli è una grande squadra e poi per me ha sempre un sapore particolare, perché non è una squadra qualsiasi… Gli obiettivi dell’Atalanta? Peluso? fino all’ultimo giorno di mercato la Juve è stata vicino a Peluso, importante come Schelotto e Moralez. Il nostro lavoro è proiettato nel tempo. Obiettivi? L’anno scorso -6 e quest’anno -2 di penalizzazione sicuramente è  la salvezza in un campionato privo delle grandi città. Dobbiamo subito arrivare alla quota 42 che equivale alla salvezza. Il Napoli mercoledì? Ci auguriamo che Cavani non giochi, certo ma Hamsik, Pandev e Insigne dove li mettiamo? Cavani è stato in campo l’anno scorso e non ci è andata male. Gufare una squadra non sempre porta bene e auguriamo al Matador di stare bene e lo affronteremo con sportività. Abbiamo grande rispetto per Napoli per noi è un big match e ci auguriamo di star bene noi un po’ falcidiate da squalifiche oltre che da infortuni, leggi quello di Biondini. In campo valuteremo come opporci al Matador, vedi il Chievo ha perso lo stesso anche senza Cavani  in campo. Hamsik? Sono contento di averlo portato io al Napoli e “regalato” insieme a Lavezzi, anzi mi spiacerà non reincontrarlo in campo, ricordo l’abbraccio col Pocho un anno fa. Abbraccerò Hamsik, che definisco giocatore globale: è centrocampista con le sue geometrie, sa andare in gol e non è poco, anzi  va anche in doppia cifra, nella fase di non possesso palla sa far da cerniera a centrocampo. Insomma per me è un top player  tra i primi dieci in Europa.  I fatti di Catania? Se un episodio capita con la grande squadra in campo viene evidenziato maggiormente. Poi il discorso dei giudici di porta meriterebbe un convegno. Qualche settimana fa a Roma fu annullato a Denis un gol regolarissimo e  nessuno ne ha parlato, e ieri guadrando la partita dell’Udinese pensavo chissà se ci fosse stato convalidato quel gol… gli arbitri vanno aiutati ma va anche dato un giudizio sereno: capendo se queste presenze a fondocampo diventano ingombranti perché entrano in meriti che vanno oltre il gol-non-gol. Più teste insomma non vanno meglio ma paradossalmente peggio. Operazioni con De Laurentiis? Con Aurelio ci sentiamo sempre per questioni di politica di Lega. Per il Mercato abbiamo concluso con Cigarini e poi abbiamo discusso di Schelotto ma ora abbiamo interrotto, visto che per il mercato è una fase di stanca. Peluso al Napoli? è un giocatore ambito da molti non so se sia nei piani del Napoli, è un nazionale che dire di più. È inoltre un bravissimo ragazzo ed anche nella vita privata ha tutti i comportamenti per essere da Napoli. Insigne? col Pocho sono diversi Lorenzo è più agile e in zona gol è più concreto. Lavezzi è più esplosivo di gamba ubriacante col suo dribbling. Insigne può arrivare molto lontano, ma non va caricaoto di responsabilità o paragoni pesanti, sarebbe controproducente, va lasciato crescere in tranquillità. In serie A devi sbagliare per non sbagliare in seguito e questi sbagli sono a discapito di chi lo utilizza. Il Napoli non può avere tutto e subito da Lorenzo. Napoli con Juve e Inter? Non sarebbe peregrino ipotizzarlo. Il Napoli è superiore all’Inter come potenziale, sarà u campionato apertissimo fino a febbraio per ora siamo al cosiddetto “antipasto” e il Napoli siede a questo banchetto.”

La Redazione

M.V.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google