Il Mattino – Le idee di Sarri per colmare il gap economico con le big d’Europa

Il Mattino – Le idee di Sarri per colmare il gap economico con le big d’Europa

Fino a quando conterà il potere dei soldi, quello che ha scatenato le ire contro il Paris St. Germain (e anche il Manchester City, avversario del Napoli in Champions League) dopo l’ultima clamorosa sessione del mercato estivo? È quanto si chiederanno anche De Laurentiis e Sarri, il presidente e l’allenatore della squadra che punta a sovvertire queste logiche.
È una storia molto particolare quella del Napoli, che ha saputo rimediare alla perdita di pezzi importanti – Higuain su tutti – e andare avanti con risultati lusinghieri. Non ha conquistato lo scudetto e non ha alzato trofei durante la gestione Sarri, eppure è un modello, molto apprezzato anche oltre confine. Perché il calcio ha bisogno di stimoli puliti, non soltanto dei grandi affari che ha messo a segno il Psg, probabilmente in violazione del Fair play finanziario che resta invece un punto di riferimento per De Laurentiis e l’amministratore delegato Chiavelli. E questi stimoli sono arrivati da Napoli, dove c’è una squadra che gioca bene e appassiona anche se il monte ingaggi e il fatturato sono la metà di quelli della Juve. C’è stato il salto sotto l’aspetto mentale, c’è adesso la capacità di andare oltre la sofferenza, come si è visto contro l’Atalanta prima della sosta. E questo può essere ancor più importante della differenza rispetto al monte ingaggi delle altre big (Juve 164 milioni, Milan 117, Roma 91 e Inter 82, secondo i dati pubblicati dalla Gazzetta dello Sport). Negli ultimi anni la panchina del Napoli si è allungata e rafforzata non con un colpo di bacchetta magica ma perché sono coincise le esigenze dello staff tecnico e la disponibilità del club.


La redazione di IamNaples.it

Calcio Napoli e altre news

[themoneytizer id=19885-23]
[themoneytizer id=19885-19]


SCARICA ORA LA NOSTRA APP!

app iamnaples apple

app iamnaples google