Mertens: ”Su Sarri bisognerebbe fare un documentario”

''Ero stufo di fare panchina, devo ringraziare al mister''

Dries Mertens è stato intervistato dal quotidiano belga Het Laatste Niewus. Ecco quanto dichiarato dal giocatore belga:

Qual è il miglior complimento che hai ricevuto di recente? “Il miglior complimento è stata la mia selezione per il Golden Ball. Ho pensato che sono tra i 30 migliori calciatori del mondo”, come la mia prima convocazione nel Belgio quando stavo ancora giocando a Utrecht. “Sono uno dei 25 migliori calciatori belgi del Belgio”, pensavo allora”

Eppure non ti sei sorpreso, hai detto nelle precedenti interviste. “Mmm…. Anch’io mi sono sorpreso un po ‘. Penso che sia fantastico poter finalmente giocare un po’ di più.. Due anni fa ero nella formazione titolare in sei delle 35 partite di campionato in cui ero disponibile. In sei! Ed era già Sarri l’allenatore. Era scandaloso giocare solo sei volte da titolare. Dopo venti volte ero davvero stufo. “Fanculo”, ho pensato. “Ora non corro, gioco male.” Ma poi prendi una palla dopo due minuti e tutto ricomincia”

Dicono tutto che eri una buona alternativa a gara in corsoÈ quello che ha detto l’allenatore. Che posso cambiare una partita. Ma devo farlo sempre? I sostituti che possono decidere una partita sono solo dei buoni giocatori. Dovresti dare loro l’opportunità di iniziare la partita una volta ogni tanto, ora è chiaro che ho meritato di giocare di più”

Qualche volta lo dici a Sarri? “Lo sa – abbiamo un buon rapporto. Ammette anche che avrebbe dovuto farmi giocare di più allora, ma gli sembrava la sua scelta migliore in quel momento. L’anno scorso, a Lisbona, disse: “Ti metto in panchina, sento che farai la differenza come sostituto. Dopo 60 minuti mi ha fatto entrare sullo 0-0. Abbiamo infine vinto 1-2, dopo aver dato un assist a Callejón e aver segnato io. Sarri è venuto da me dopo. “Le mie scuse, ma lo sapevo.” (Ride) Ho capito il suo intento, a volte dopo un’ora si può spezzare il corso di una partita”.

Come ricorderai Sarri? “Come una grande figura. Qualcuno deve fare un documentario su di lui mostrando come talvolta ci parla per una partita … (ride) “Sono uno stronzo e ora sono in Champions League. Nessuno lo porterà via” (ride, ndr). Anche le nostre carriere si assomigliano. Non sono Tielemans che ha già giocato nella prima squadra dell’Anderlecht quando aveva 16 anni o come Romelu Lukaku. Vengo dalla terza classe. Ho lavorato. Come Sarri, mi piace. Oltre alle sue molte sigarette e caffè, Sarri legge costantemente. Viene dal mondo economico, è costantemente impegnato con le statistiche e anche tatticamente molto forte. La sua filosofia ha suscitato interesse tra i giovani istruttori. E il rispetto che ha ricevuto da Guardiola dimostra che Sarri sa di cosa sta parlando. Davvero un ottimo allenatore. L’ho detto quando ero ancora in panchina. (sorride) Oh sì, un’altra cosa: la sua superstizione. Quel giorno ci alleniamo su quel campo, il giorno dopo sul campo accanto ad esso, a quell’obiettivo … Non devia da quello. A meno che non perdiamo”

Sartoria Italiana
Vesux

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.