Milan, Calhanoglu: “Contro la Juventus possiamo vincere se giochiamo da squadra”

Così il centrocampista rossonero al Corriere della Sera

Hakan Calhanoglu si è raccontato in una lunga intervista al Corriere della Sera. Ecco le sue parole.

Hakan, lei prima mostrava le braccia conserte al mondo, ora come ha deciso di esultare?
“Dopo il gol al Chievo ho baciato la maglia del Milan: d’ora in poi farò così. È stato il mio primo bacio, non lo avevo mai fatto in Germania, né con l’Amburgo, né con il Bayer Leverkusen”.

Pronto a rifarlo contro la Juve?
Speriamo, la mia fiducia cresce, mi sento bene, in campo e fuori. Nei mesi scorsi abbiamo giocato buone partite, ma i match importanti arrivano ora, la Juve e subito dopo l’Inter. Dobbiamo vincere, non è importante se segno io”.

Magari potrebbe riuscirci su punizione: lei è arrivato portandosi dietro l’etichetta di grande specialista, eppure al Milan non è ancora riuscito a segnare. Come mai?
È anche una questione di pressione. “Punizione” è forse la prima parola d’italiano che ho imparato. Tutti a dirmi: “Hakan segni, Hakan segni”. Ma conosco le mie statistiche, in Germania avrò fatto 15 gol, gli avversari cercavano di non fare fallo sennò io segnavo”.

Lo Juventus Stadium sembra stregato per il Milan, è uno di quegli impianti che mette paura.
“Ma io ho già giocato al Camp Nou e credo che San Siro pieno sia più o meno simile. In ogni caso noi dobbiamo giocare da squadra, se lo facciamo possiamo vincere anche contro di loro”.

Della Juve cosa sa e cosa teme?
“È una squadra importante, che ha giocato due finali di Champions, e ha grandi attaccanti, dovremo stare attenti a Higuain, Pjanic, Dybala”.

L’imminente sfida contro il Real Madrid li condizionerà?
“Non credo, sono professionisti. Ma noi dobbiamo pensare a noi, con Gattuso abbiamo imparato a giocare da squadra e mostrato le nostre qualità”.

Ecco: perché prima non ci riuscivate?
“Ce lo siamo chiesti spesso: perché? C’erano nuovi giocatori, nuove facce, nuovi caratteri. Ci vuole tempo per metterli assieme e farli diventare amici. Per esempio, ora io so come giocano Suso e Bonaventura, li conosco, capisco i loro movimenti”.

Il Milan sembra fare meglio senza Montella, ma anche Montella sembra fare meglio senza il Milan.
“Nel calcio è così, gli allenatori vanno e vengono, e ciascuno ha i suoi metodi, la sua filosofia, il suo sistema di gioco, magari cambiano anche piccole cose e un giocatore si trova meglio o peggio; è come con gli insegnanti, uno ha un modo diverso di spiegare e tu lo capisci di più”.

Ora la sua posizione in campo è quella giusta?
“Beh, sulla sinistra avevo già giocato nel Leverkusen e mi trovo molto bene, riesco a comunicare bene con Rodriguez e Jack”.

Non è l’unico merito di Gattuso, par di capire. Quanto è stato importante per lei?
“Intanto ci spinge a dare il 101% in tutti gli allenamenti e questo ci piace. La squadra ha anche iniziato a giocare bene. Per quanto mi riguarda, mi ha aiutato moltissimo, mi ha parlato e mi ha fatto sentire la sua fiducia”.

Che consigli le ha dato?
Mi ha detto che avevo la testa piena e dovevo liberarla, pensando solo a giocare. Mentalmente mi ha reso più forte. Ma non solo lui, tutto il suo staff ha creato una bellissima atmosfera a Milanello. Ci piace allenarci. Anche i compagni, Mirabelli e Fassone mi hanno aiutato nei momenti brutti. In quelli belli c’è sempre tanta gente”.

Quali sono state le sue difficoltà maggiori?
“Non avevo mai giocato fuori dalla Germania, non capivo la lingua, era difficile comunicare. Il primo mese, poi, è stato duro: vivevamo in albergo, non avevamo casa”.

Ora si è ambientato anche a Milano?
“Ora sì, va tutto molto meglio, abitiamo vicino a Casa Milan, così se c’è qualche problema in un minuto sono in ufficio! (ride). Milano mi piace: abbiamo visitato il Duomo, che è bellissimo, e poi lì attorno ci sono molti negozi, mia moglie ha varie opportunità per fare shopping. La gente italiana è simile a quella turca: molto calda e simpatica”.

Con quali compagni ha legato di più?
“Con Rodriguez, che parla tedesco. Borini mi ha aiutato con l’italiano e ho passato tanto tempo nello stesso hotel con Conti; ora gli ho mandato un messaggio di in bocca al lupo”.

Lei è nato in Germania, ma ha scelto di giocare per la Turchia, il Paese della sua famiglia. Come mai?
“Non è stato facile scegliere. Sono grato alla Germania perché ci sono nato e perché lì ho imparato a giocare a pallone. Ma la Turchia è la mia casa e la mia famiglia. È diverso giocare per il tuo Paese”.

A proposito di numeri 10: lei ha appena incontrato Savicevic, le ha dato qualche consiglio?
“Mi ha detto “tira, tira”. Il suo calcio era pazzesco, era un fenomeno”.

Cosa ha imparato dalla sconfitta con l’Arsenal?
“Che l’arbitro può cambiare le partite. Ma anche che è importante non perdere 3-1, perché nei libri rimarrà solo il risultato, e quindi non devi mollare mai”.

Fonte: Tmw

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.