Napoli, Insigne futuro Lavezzi

Da Pescara (è in prestito) all’azzurro, lo scugnizzo accelera

NAPOLI – Il piccolo diavo­lo che attraversa, imper­territo, l’universo calcisti­co, è uno scugnizzo a di­ciotto carati che s’è messo i sogni nel cartone e li sta portando in giro per l’Ita­lia. La valanghina azzurra che demolisce ciò che in­crocia – e che da Foggia a Pescara se n’è andata sino a Vaduz con l’Italietta a far danni a modo suo – è in re­altà una pallottola «appun­tita » da evitare con cura e l’arma letale del football del futuro, della Napoli che lancia il suo sguardo ben oltre il proprio naso, è un « fenomeno » da analiz­zare al microscopio, dopo averne apprezzata la com­posizione in quel laborato­rio più unico che raro del professore Zeman. Il nuovo che avanza a suon di gol è un genietto normodota­to, un metro e sessantaquattro per ses­santa chili, ma quel Loren­zo Insigne extra large nei numeri – diciannove reti nella sua prima stagione a Foggia; due, condite da sette assist ora a Pescara; doppietta e ancora due as­sist nel debutto con l’Un­der 21 – è una scarica di fantasia sulla Napoli che di suo già sogna e che ora, dal buchino della serratura, spera di aver trovato il La­vezzi del futuro.

TALENTO ANNUNCIATO – Ven­t’anni spesi tra dribbling e veroniche, tunnel e sfac­ciataggine: il talento che il Napoli scova all’interno del suo settore giovanile, in tempi non sospetti, è di assoluto riguardo e la ve­trina del debutto in A (24 gennaio 2010, a Livorno) è un’investitura ma anche una responsabilità verso se stesso, che Insigne rice­ve da Walter Mazzarri pri­ma di approdare alla Cave­se. La svolta è però nel­l’aria, perché a Foggia si sta impiantando la fresca edizione di Zemanlandia, e quando arriva la richiesta d’un boemo capace di esal­tare le qualità sommerse di quel trequartista con le fattezze di un esterno (a si­nistra o a destra, non c’è differenza).

PERCHE’ PESCARA – L’Insi­gne che ora spopola a livel­lo internazionale, che a Vaduz s’è permesso il lus­so d’un pallonetto da metà campo dopo aver visto il portiere fuori dai pali, ar­riva a Pescara dopo una stagione di apprendistato con Zeman, una sequela di prodezze, diciannove gol ed una qualificazio­ne play- off strappata dai piedi. E’ l’estate del 2011 quando arriva l’en­nesima telefonata a Bigon, che prospetta la possibilità di allungare lo stage con il 4-3-3: «Pure stavolta, e s’è scritto, c’erano molte so­cietà, anche di serie B, in­teressate al ragazzo. E pu­re in questa circostanza, non c’è stata la minima perplessità: ci capitava, di nuovo, la possibilità di consegnarlo a quel tecnico che lo aveva svezzato, che già ne conosceva i pregi e i difetti e che poteva ulte­riormente migliorarlo. E’ stato semplice annuire e dare un senso alla strate­gia che si nasconde dietro un’operazione: in questo caso, siamo stati avvan­taggiati, ma non abbiamo mai avuto la tentazione di cederlo altrove, anche in presenza di offerte pur al­lettanti ».

IL POCHO CHE VERRA’ – La (piccola) peste che s’aggi­ra, minacciosa, tra i campi della B è un folletto che in­golosisce e le misure da formica atomica non rap­presentano pregiudizio: da Foggia a Pescara e poi di corsa all’Under 21, tra sla­lom e sogni, il viaggio di Lorenzo Insigne è dolce­mente accompagnato da accostamenti ingombranti, da paragoni audaci, elusi con un colpo di tacco: pic­colo è bello.

Fonte: Corriere dello Sport

 

La Redazione

A.F.

Tufano

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.