Napoli, le fasce danno molte garanzie

Zuniga-Dossena e Maggio-Mesto: Mazzarri ha quattro esterni che assicurano qualità e quantità

Le corsie esterne del nuovo Napoli vengono percorse da un inedito 4×4. Per la prima volta Walter Mazzarri ha a disposizione due giocatori per ogni ruolo, senza contare gli adattati. Non era mai accaduto prima, in particolare lo scorso anno, dove si è andati avanti con sole tre soluzioni (Maggio, Dossena e Zuniga) col colombiano che ha vissuto un doppio ruolo, sia a destra, che a sinistra, in pratica rendendosi utile in tutte le situazioni. Tuttavia, quando le cose si  sono messe male, la squadra azzurra ha patito la mancanza di un  quarto elemento. E’ stato il caso anche ad inizio di questa stagione, quando a Palermo (Mesto non era ancora arrivato) le squalifiche hanno tolto i due esterni sinistri al Napoli, lasciando da solo Maggio.
IN CORSIA COL 4×4. Stavolta è diverso, perchè Mazzarri è stato accontentato: va anche detto che non ci saranno volti inediti. Ci si aspettava un elemento nuovo a sinistra, un rinforzo vero che avrebbe potuto rimpiazzare il partente (o almeno così sembrava) Dossena, e messo Zuniga in un ruolo di secondo piano. Ma così non è stato: l’ex Udinese, a quanto pare, si è deciso a rimanere in azzurro, resistendo alle tentazioni di Roma, Fiorentina e Milan, ma soprattutto è stato lo stesso Mazzarri a mettere un freno alla situazione di Zuniga, che di fatto era stato messo in discussione: “Camilo non si discute – ha detto il tecnico toscano durante il ritiro di Dimaro – è un giocatore per me utilissimo, all’altezza di un grande club. Per me Zuniga è da Barcellona: può giocare in tutti i ruoli sulle fasce, e anche come trequartista. Salta l’uomo, ha una tecnica rara a vedersi per giocatori nella sua posizione. Per quello che mi riguarda, non solo è il titolare, ma fin quando sta bene per me gioca sempre”. Parole chiarissime, che hanno dato al giocatore una bella iniezione di fiducia, ma soprattutto hanno chiuso la ricerca di un esterno a sinistra, che pure c’era stata eccome. Lo stesso Balzaretti, tanto per farne un nome, era visto più come “ambidestro”, e quindi destinato prevalentemente a destra, che come alternativa sulla corsia mancina.
A SINISTRA NESSUNA SORPRESA. Ed infatti, il mercato a dato il suo responso la settimana scorsa: è arrivato un altro esterno a destra, per dare un’alternativa a Maggio. Quindi, ci siamo: Zuniga e Dossena a sinistra (in ordine di titolarità), e destra Maggio e Mesto. Le due “m” possono fare grande il Napoli, in quanto si tratta di due esterni di spessore. La coppia di “riserve”, Dossena e Mesto, potrebbe giocare titolare nelle situazioni di turn over in Serie A, o più probabilmente nelle partite di Europa League. E in attesa di tastare il polso alle due coppie di centrocampo, i “titolari” si sono comportati bene. Zuniga e Maggio hanno giocato  assieme soltanto un match, domenica con la Fiorentina. Una prova positiva, con l’esterno vicentino già in forma (anche se in calo nella ripresa con i viola) e il colombiano che è partito bene, ma ha accusato anche lui la stanchezza. E se davvero Mazzarri farà qualche cambio in modo sistematico ci sarà da divertirsi. L’ultimo arrivato, Mesto, potrebbe rivelarsi una piacevole scoperta per i tifosi del Napoli.

Fonte: Giovanni Scotto per Il Roma

La Redazione

M.V.

Sartoria Italiana
Vesux
gestione sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.