Napoli: provaci ancora Cavani

Il "Matador"è a cinque gol da Beppe Savoldi

Il piede è bello caldo. O meglio, entrambi i piedi perchè Edinson Cavani sa fare gol in tutte le maniere: di destro, di sinistro, di testa e persino con la nuca. E come tutti i bomber, specie quelli di razza, più ne mette a segno, più accresce la fame. Ora guida la classifica temporanea dei cannonieri con cinque centri e punta deciso a quel titolo che gli è sfuggito d’un soffio per due anni di fila: nel 2011 fu preceduto di due reti Di Natale (28 a 26); nel campionato scorso, invece, si piazzò terzo con 23 bersagli, a cinque lunghezze da Ibrahimovic.
Ma il Matador è stuzzicato dal primato in classifica del Napoli più che dalla corona di re dei bomber. Non gli era mai capitato da quando è in Italia di lottare per lo scudetto. E sente questa squadra sempre più sua man mano che passa il tempo. Specie dopo essere stato appagato sotto il profilo contrattuale e dopo aver giurato fedeltà sincera ad uno spogliatoio che lo stima, ad un club che lo apprezza, ad una tifoseria che lo ama .Cavani vorrebbe travestirsi da Maradona e trascinare il Napoli più in alto possibile. Magari con altre triplette o andando ad aiutare i difensori sulle palle alte. Non un bomber come tanti bensì un uomo-squadra, un calciatore destinato a lasciare il segno nella storia del club. Ha già scavalcato due suoi illustri predecessori in maglia azzurra tra i goleador di sempre: Vinicio e Canè, fermi a 70 gol. L’uruguagio è arrivato a quota 72 ed ha già puntato Savoldi (77) e Careca con Altafini che sono a 96.

ALLA SAMP – Se Cavani continua a suon di triplette, nessun traguardo gli sarà proibito: scudetto e classifica dei cannonieri. Ne ha centrato già sei finora. E tra queste c’è anche quella rifilata alla Sampdoria due campionati fa al San Paolo. Un quattro a zero (l’altro gol fu di Hamsik) che fece gonfiare il petto d’orgoglio a Mazzarri. Non solo, ai doriani Cavani fece gol anche all’andata, firmando la prima vittoria esterna nella stagione che proiettò il Napoli in Champions League.  Mazzarri gli ha sciolte le briglie. A Marassi dovrà fare da guastatore sulla trequarti, privilegiare il fraseggio con Pandev ed Hamsik, provare a creare spazi in una difesa che presumibilmente sarà abbottonata più che mai. Ma l’esperienza di Catania è servita anche a questo: guai a cercare il gol senza ragionare; guai ad attaccare a testa bassa, ad intasare gli spazi, ad ignorare il compagno libero da marcature.

SFIDA ALLA JUVE – Nonostante sia diventato orfano di Lavezzi (pare gli abbia mandato un sms di complimenti dopo la tripletta alla Lazio), Cavani non si è smentito in quanto a vena realizzatrice. Sta facendo gol con una puntualità svizzera. Castigò la Juve in Coppa Italia (quella volta con un rigore impeccabile) a maggio; l’ha trafitta di nuovo ad agosto in Supercoppa a Pechino; ed ha cominciato a castigare i portieri avversari in campionato: prima quello del Palermo (Ujkani), poi quello del Parma (Mirante) su rigore, infine quello della Lazio (Marchetti). Ora si prepara alla sfida con Sergio Romero, argentino, che probabilmente si ritroverà di fronte nella sfida del 12 ottobre tra Argentina ed Uruguay. Il Matador è diventato un incubo per gli estremi difensori avversari ed anche per i difensori. Marcarlo a uomo è impossibile. Prevederne i movimenti è un’impresa. Cavani sta maturando di anno in anno, di partita in partita. E pur avendo appena venticinque anni riesce caricarsi la squadra sulle spalle come pochi. Proprio come usava fare un certo «nino de oro».

QUELLA CLAUSOLA – Per i tifosi più giovani il nuovo «nino de oro» ora è lui. Bastava ascoltare quel battimani dopo il rigore fallito con la Lazio. Non finiva mai. Erano applausi di incoraggiamento, di stima, di perdono sincero. E la paura di perderlo a giugno è pari alla gioia di vederlo scorazzare per il campo e andare a far gol come a difendere. Quella clausola di sessanta milioni di euro recentemente inserita nel contratto oggi ha le sembianze di una spada di Damocle. Ma niente paura, il Matador concorderà con De Laurentiis  quando sarà il momento, ora ha una missione da portare a termine: cercare di regalare a Napoli ed al Napoli quel sogno ben custodito nel cassetto.

Fonte: Corriere dello Sport

La Redazione

A.S.

Tufano
Simon tech

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2018 IamNaples Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.