Nei prossimi 22 giorni ci saranno molte partite tra campionato ed Europa

La Roma non giocando le coppe ne può approfittare

Ventidue giorni che possono dare il primo scossone alla stagione. Sette partite in ventidue giorni per sei squadre: Juventus, Milan, Inter, Lazio, Napoli e Udinese. Una occasione d’oro per la Roma che ne giocherà “solo” cinque. Entra in scena l’Europa ed entrano in gioco fattori non sempre pianificabili: la condizione fisica, il lavoro svolto in estate, gli infortuni, lo stress psichico che appesantisce non solo la mente ma anche i muscoli. E dentro quei ventidue giorni, sfide non di poco conto: scontri diretti come Udinese-Milan e Napoli-Lazio, Juventus-Roma e Napoli-Udinese. E a conclusione del ciclo, il derby di Milano, partita chiarificatrice non solo dal punto di vista della leadership cittadina ma anche per le ambizioni di due squadre uscite profondamente rinnovate dal mercato estivo e bisognose di essere messe a punto come le auto appena uscite dalla linee di produzione.
VOLATA –

Da una pausa all’altra. Perché dopo questi ventidue giorni di super-lavoro, tornerà in pista la Nazionale e per molti calciatori (la Juventus, ad esempio, ne dà tanti a Prandelli ma ci sono anche le altre rappresentative che vengono alimentate dagli stranieri che giocano in serie A) la paura sarà in realtà una «vacanza di lavoro», con viaggio-premio in Armenia e ritorno in Italia per una sfida (con la Danimarca) che condizionerà notevolmente il cammino degli Azzurri nel torneo di qualificazione mondiale. In ventidue giorni, cinque giornate di campionato (compresa quella infrasettimanale del 25, 26 e 27 settembre) e due appuntamenti di Coppa. Non irrilevanti, per giunta, soprattutto per le due squadre impegnate in Champions, la Juventus e il Milan. Mercoledì 19 settembre, i bianconeri torneranno in Europa sfidando a Stamford Bridge i campioni continentali del Chelsea: cliente difficilissimo, ancorché ridimensionato nell’immagine (ma non nelle potenzialità) dalla sonora batosta subìta in Supercoppa ad opera dell’Atletico di Madrid. Più agevole l’esordio del Milan, in casa contro l’Anderlecht. Poi, però, i rossoneri dovranno imbarcarsi per un lungo viaggio alla volta di San Pietroburgo per essere “ospitati” da Spalletti e dallo Zenit. Quattro giorni dopo dovranno confrontarsi a San Siro con l’Inter.

PAURE – La stagione è appena cominciata quindi parlare di stanchezza sarebbe fuori luogo. Ma se l’Europa League può essere “pesante” dal punto di vista dei lunghi viaggi (soprattutto l’Inter sarà costretta a saltellare per il continente), la Champions produce uno stress mentale di non facile gestione. Perché se la stanchezza dei muscoli l’avverti e la combatti, quella nervosa è più inafferrabile e meno gestibile. Ed è proprio questo stress il “male oscuro” che spesso fa saltare tutti i piani contraddicendo progetti e ambizioni. La Juventus per farvi fronte ha irrobustito la rosa con giocatori di grande qualità, giovani ma esperti. Il Milan punta a recuperare qualche “desaparecido” come Mexes. Pesano soprattutto le sfide ravvicinate su fronti diversi. Perché se il Milan avrà il derby subito dopo la trasferta a San Pietroburgo, la Juventus a sua volta prima vedersela con lo Shakhtar dovrà affrontare la Roma per una sfida già rilevante (anche se non decisiva visto che siamo solo all’inizio) per lo scudetto. E a quel punto Conte (e Carrera che va in panchina) dovranno compiere scelte dolorose nella gestione della rosa perché qualcuno dovrà riposare.

ATTENZIONE – Insomma, questa che si sta per aprire sarà una fase delicata. Gli allenatori delle sei squadre in questione dovranno con grande attenzione valutare le insidie. E’ prevedibile che le compagini impegnate in Europa League (Inter, Lazio, Napoli e Udinese) decidano di mandare in campo la “seconda squadra”. Anche se poi le situazioni sono un po’ diverse. Aik Solna e Rubin appaiono clienti decisamente alla portata di Napoli e Inter, ma Tottenham e Anzhi obbligano Lazio e Udinese a una maggiore attenzione (attenzione che i friulani dovranno mettere anche nella seconda partita, con il Liverpool). Insomma, si comincia a fare sul serio.
Sartoria Italiana
Vesux
gestione sinistri

I Am Naples Testata Giornalistica - aut. Tribunale di Napoli n. 33 del 30/03/2011 Editore: Francesco Cortese - Andrea Bozzo Direttore responsabile: Ciro Troise © 2021 IamNaples
Salvo accordi scritti, la collaborazione con questo blog è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. In nessun caso si garantisce la restituzione dei materiali inviati. Del contenuto degli articoli e degli annunci pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. - Tutti i diritti riservati Vietata la riproduzione parziale o totale dei contenuti di questo portale Tutti i contenuti di IamNaples possono essere utilizzati a patto di citare sempre IamNaples.it come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.iamnaples.it oppure al link dell'articolo.